VIAGGI: STORIA DELLA PARAPSICOLOGIA. (27 ottobre 2021)

Annunci

Un Saluto a tutti, Cari Lettori! Non sono quel genere di persona che si limita agli auguri in vista di una festività. Cerco sempre di andare oltre, di non apparire superficiale e scontata. Se analizzassi luci e ombre del mio profilo caratteriale si noterebbe subito il basso attaccamento al pratico e al reale. La mia mente è sempre stata vittima, in senso positivo, di un forte dinamismo, non mi fermo mai all’affermazione fine a se stessa, contemplo e scovo gli angoli più remoti di un aspetto fino a scoprire talvolta sfaccettature completamente nuove. Per questo amo tutto ciò che possa essere definito paranormale, non esclusivamente riferito al repertorio delle figure oltre dimensionali, ma anche nell’ottica di nuovi metodi e scoperte parte della vita quotidiana. Tra gli altri temi di cui volevo approfondire in queste righe troviamo questa branca davvero particolare della psicologia, la parapsicologia appunto. Si tratta di tutti quei fatti avvenuti nel corso del tempo di natura paranormale, quindi apparentemente inspiegabili, ma che contrariamente ad altri destano i presupposti di un’analisi critica e di ricerca. Si è infatti solo recentemente deciso di dare questo nome a tali azioni, ma più semplicemente si tratta di persone, intellettuali e studiosi, che volevano dare risposte certe e concrete a qualcosa fino ad allora del tutto inspiegabile. Ma cosa può davvero essere definito paranormale? Questo termine designa l’insieme dei fenomeni che non giudichiamo normali, ovvero fuori dalla norma, tanto per ignoranza e pregiudizio quanto per carenza di informazioni, e che non possono essere spiegati dalle sole leggi fisiche e chimiche conosciute.E’ invece considerato normale tutto ciò che viene considerato ammissibile dalla quasi totalità degli appartenenti a una società o a un gruppo determinato. Quindi un’azione o un fatto non verrà contestato rispetto al suo stato di normalità finchè la pluralità di un gruppo di ricerca affermerà lo stesso concetto in merito. Parlando di storia possiamo vedere come tale fenomeno sia presente dai tempi dei primi clan di uomini. Infatti questi avevano un capo, riconosciuto da tutti come il membro più forte, il più valoroso. Al suo fianco vi era sempre un saggio, un anziano ricco di esperienza, che prese in breve tempo il nome di sacerdote. Le loro conoscenze venivano trasmesse oralmente e ciascuno di essi portava il proprio contributo alla costruzione del sapere scientifico. Così nacque lo studio dei fenomeni naturali e vennero definite le prime teorie sulla morte, sulla nascita, sulle malattie, sulla vita dopo la morte e sulle reincarnazioni. Fu allora che una parte degli insegnamenti trasmessi oralmente, quella che poteva sembrare la più difficile da spiegare e la più misteriosa perché trattava le cose occulte, cioè le cose che sono nascoste ai nostri sguardi, divenne insegnamento esoterico, allo scopo di evitare che i segreti iniziatici si divulgassero troppo. Nacque quindi ciò che venne definito il segreto iniziatico, che aveva lo scopo di impedire alle persone indegne di sfruttare a proprio vantaggio i poteri insospettati forniti da certe conoscenze. Naturalmente il segreto iniziatico serviva anche al potere. Questo aspetto si ritrova nell’espressione, conscia o inconscia, di volontà di potenza manifestatasi nell’antico Egitto, dove i sacerdoti, definitisi eredi degli Dei, imposero segretamente le loro leggi ai Faraoni. Alcune tradizioni esoteriche, in particolare l’ermetismo, insegnano che Pitagora (VI secolo a. C.) andò cercando l’iniziazione in Egitto e successivamente presso i Medi in Persia, dove fu in esilio prima di tornare a Samo, sua città natale. Nel II secolo a. C. apparve per la prima volta la Cabala Ebraica, un’opera dal contenuto esoterico e occulto comprensibile solo agli iniziati in possesso delle necessarie chiavi di interpretazione. Durante il periodo classico fecero la loro comparsa in modo prepotente narrazioni profetiche, atti di magia, di stregoneria e di divinazione. si iniziò a parlare di oracoli, in particolare il più famoso era quello di Delfi, di cui al centro vi era una donna di grandi capacità mistiche, chiamata Pizia. Aristotele, famoso filosofo classico, decise dunque di focalizzare la sua attenzione allo studio dei sogni profetici, per capire se questi erano davvero mandati dagli Dei. Provò dunque a dargli una spiegazione scientifica servendosi dei fenomeni ondulatori. Con l’arrivo del Medioevo, anche grazie alla forte ascesa della religione cristiana, si inizia a collegare i fenomeni paranormali con la figura di Satana, il demonio tentatore di anime pure , il che portò alle persecuzioni religiose che tutti noi conosciamo. La Chiesa faceva eccezione solo per le apparizioni cosiddette divine, cioè quelle che si producevano nel corso delle esperienze mistiche o estatiche di alcuni religiosi. Ricordiamo incidentalmente che nel Nuovo Testamento vengono narrati i miracoli di Gesù Cristo. Tuttavia, persone che manifestavano poteri paranormali furono crudelmente perseguitate. Ovunque si istruirono processi alle streghe e ovunque, nell’Europa cristiana, si innalzarono roghi. Fu proprio per trovare salvezza da queste persecuzioni che iniziarono a formarsi molti gruppi esoterici, tra cui alcuni addetti all’alchimia, ciò determinò il principio dell’occultismo europeo. Secondo coloro che praticano l’occultismo oltre al mondo visibile ci sarebbe anche un mondo invisibile. Quelle che oggi chiamiamo scienze occulte si fondano su una lunga tradizione le cui origini si trovano soprattutto nella Tavola di smeraldo di Trismegisto. Molti maestri dell’occultismo ritengono che questo non si limiti solamente alla magia o alla stfegoneria, ne all’alchimia o all’astrologia, ma comprenda anche un aspetto spirituale e mistico: la relazione tra essere umano e universo sul piano dell’anima e dello spirito. In seguito a partire dal ‘700 iniziò a svilupparsi la scienza sperimentale e il razionalismo. La grande svolta verso il moderno concetto di parapsicologia prese origine da uno svedese, Emanuel Swedenborg, nato a Stoccolma nel 1688. Sembrava infatti che egli possedesse innate doti di chiaroveggenza, cosa che venne determinata in seguito a vari episodi di sogni premonitori, tra cui quello che descrisse precisamente il grande incendio di Stoccolma. Da li iniziò a dilagare il fenomeno delle sette, tra cui quella che lui stesso fondò, nota con il nome “Chiese della Nuova Gemsalemme”. A questa ne seguirono altre, tra cui la famosa massoneria, opera di Martinez Pasqualis, progetto di sfogo mistico e filosofico. Grazie al medico tedesco Friedrich Anton Mesmer(1734-1815) si ottenne uno sviluppo importante nel campo del magnetismo. Dopo aver compiuto gli studi di medicina all’Università di Vienna, scoprì un fenomeno che definì con l’espressione “magnetismo animale”. Mesmer dimostrò, con intenti terapeutici, che un fluido magnetico simile a quello posseduto dalle calamite naturali poteva trasmettersi tra differenti persone e provocare modificazioni profonde nel loro stato fisiologico. Mediante una serie di influenze magnetiche, portava i suoi pazienti a un particolare stato la cui natura verrà chiarita solo più tardi e al quale verrà dato il nome di ipnosi. Proprio grazie a queste nuove sette formatesi negli ultimi decenni, poco raccomandabili e credibili per la Medicina, iniziarono a formarsi numerosi circoli di studiosi e sperimentatori, con il nobile scopo di fare chiarezza fra il vero paranormale e ciò che poteva essere spiegata dall’intelletto umano. Il chimico industriale austriaco C. von Reichenbach in Germania e il colonnello A. de Rochas in Francia diedero inizio a lavori sull’esteriorizzazione della sensibilità, mentre un medico inglese, James Braid, scopriva per suo conto che era sufficiente fissare l’attenzione del soggetto da magnetizzare perché si addormentasse. Lo spiritismo stava lentamente prendendo forma, soprattutto in Francia e Inghilterra. Il chimico William Crookes inziò a compiere esperimenti scientifici sui medium e ciò determinò la nascita di una nuova collaborazione  nel 1882. Furono infatti Myers, Gurney e il fisico Barrett che fondarono a Londra la Società per la Ricerca Psichica (“Society of Psychical Research”), che ha per scopo «l’esame della natura e dell’estensione dell’influenza che uno spirito può esercitare su un altro, escludendo qualsiasi modalità di percezione attualmente riconosciuta», quindi alla fondazione nel 1884 della Società Americana per la Ricerca Psichica (“American Society for Psychical Research“) ad opera del celebre psicologo americano William James. Tutto ciò che segue è storia pura della parapsicologia, di cui tratterò gli aspetti più tecnici in un’altra sede, anche perchè non ho intenzione di dilungarmi oltre e annoiarvi! Per concludere vi consiglio una nuova lettura di approfondimento, sempre scritta da Jung, come quella dell’articolo precedente dal titolo “Psicologia e alchimia”. Se gradite maggiori informazioni su questo libro scrivetemi pure nei commenti. Se lo acquisterete tramite questo link lascerete una percentuale del suo costo al blog, senza alcuna spesa aggiuntiva a carico vostro. Con queste parole concludo, vi ricordo di lasciare una stella e di votare per Storyteller’s Eye Word su Net-Parade! Basta cliccare nella barra blu sotto l’articolo o nei banner blu in home page e confermare. È possibile votare un numero illimitato di volte, basta attendere 60 minuti tra una votazione e l’altra. Un abbraccio a tutti!

Annunci

Greetings to all, Dear Readers! I’m not the kind of person who just wishes for a holiday. I always try to go further, not to appear superficial and obvious. If you analyzed the lights and shadows of my character profile you would immediately notice the low attachment to the pathetic and to the real. My mind has always been the victim, in a positive sense, of a strong dynamism, I never stop at the affirmation as an end in itself, I contemplate and find the most remote corners of an aspect until I sometimes discover completely new facets. This is why I love everything that can be defined as paranormal, not exclusively referring to the repertoire of over-dimensional figures, but also from the point of view of new methods and discoveries part of everyday life. Among the other themes I wanted to deepen in these lines we find this very particular branch of psychology, parapsychology in fact. These are all those events that have occurred over time of a paranormal nature, therefore apparently inexplicable, but which, unlike others, give rise to the presuppositions of a critical analysis and research. In fact, it has only recently been decided to give this name to these actions, but more simply they are people, intellectuals and scholars, who wanted to give certain and concrete answers to something hitherto completely inexplicable. But what can really be called paranormal? This term designates the set of phenomena that we do not consider normal, that is, out of the norm, both due to ignorance and prejudice as well as lack of information, and which cannot be explained by known physical and chemical laws alone. which is considered admissible by almost all the people belonging to a specific company or group. Therefore an action or fact will not be contested with respect to its state of normality as long as the plurality of a research group affirms the same concept on the matter. Speaking of history we can see how this phenomenon has been present since the times of the first clans of men. In fact these had a leader, recognized by all as the strongest member, the most valiant. At his side there was always a sage, an experienced elder, who quickly took the name of priest. Their knowledge was transmitted orally and each of them brought their own contribution to the construction of scientific knowledge. Thus was born the study of natural phenomena and the first theories on death, birth, disease, life after death and reincarnations were defined. It was then that a part of the teachings transmitted orally, what might have seemed the most difficult to explain and the most mysterious because it dealt with occult things, that is, things that are hidden from our eyes, became esoteric teaching, in order to avoid secrets initiatory spread too much. Thus was born what was called the initiatory secret, which had the purpose of preventing unworthy people from exploiting to their advantage the unsuspected powers provided by certain knowledge. Of course, the initiatory secret also served the power. This aspect is found in the expression, conscious or unconscious, of the will to power manifested in ancient Egypt, where the priests, defined as heirs of the Gods, secretly imposed their laws on the Pharaohs. Some esoteric traditions, in particular Hermeticism, teach that Pythagoras(6th century BC) he sought initiation in Egypt and subsequently with the Medes in Persia, where he was in exile before returning to his hometown of Samos. In the second century a. C. The Jewish Kabbalah appeared for the first time, a work with an esoteric and occult content that can only be understood by initiates in possession of the necessary keys for interpretation. During the classical period prophetic narratives, acts of magic, sorcery and divination made their appearance in a powerful way. we began to speak of oracles, in particular the most famous was that of Delphi, of which at the center there was a woman of great mystical ability, called Pythia. Aristotle, a famous classical philosopher, therefore decided to focus his attention on the study of prophetic dreams, to understand if these were really sent by the Gods. He therefore tried to give it a scientific explanation using wave phenomena. With the arrival of the Middle Ages, also thanks to the strong rise of the Christian religion, we begin to connect paranormal phenomena with the figure of Satan, the devil tempter of pure souls, which led to the religious persecutions that we all know. The Church made an exception only for the so-called divine apparitions, that is, those that occurred in the course of the mystical or ecstatic experiences of some religious. We recall incidentally that the miracles of Jesus Christ are narrated in the New Testament. However, people displaying paranormal powers were cruelly persecuted. Witch trials were organized everywhere and fires were erected everywhere in Christian Europe. It was precisely to find salvation from these persecutions that many esoteric groups began to form, including some alchemy, this determined the principle of European occultism. According to those who practice occultism in addition to the visible world there is also an invisible world. What we now call occult sciences are based on a long tradition whose origins are found above all in the Emerald Tablet of Trismegistus. Many masters of occultism believe that this is not limited only to magic or stfegonry, nor to alchemy or astrology, but also includes a spiritual and mystical aspect: the relationship between human being and the universe on the level of the soul and the spirit. Later, starting from the 18th century, experimental science and rationalism began to develop. The great turning point towards the modern concept of parapsychology originated from a Swede, Emanuel Swedenborg, born in Stockholm in 1688. In fact, it seemed that he possessed innate gifts of clairvoyance, which was determined following various episodes of premonitory dreams, including that which precisely described the great fire in Stockholm. From there the phenomenon of sects began to spread, including the one he himself founded, known as the “Churches of the New Gemsalemme”. This was followed by others, including the famous Freemasonry, the work of Martinez Pasqualis, a project of mystical and philosophical outlet. Thanks to the German physician Friedrich Anton Mesmer (1734-1815) an important development was achieved in the field of magnetism. After completing his medical studies at the University of Vienna, he discovered a phenomenon that he defined with the expression “animal magnetism”. Mesmer demonstrated, with therapeutic intent, that a magnetic fluid similar to that possessed by natural magnets could be transmitted between different people and causeand profound changes in their physiological state. By means of a series of magnetic influences, he brought his patients to a particular state the nature of which will be clarified only later and which will be given the name of hypnosis. Thanks to these new sects formed in recent decades, not very recommendable and credible for medicine, numerous circles of scholars and experimenters began to form, with the noble purpose of clarifying the true paranormal and what could be explained by the human intellect. . The Austrian industrial chemist C. von Reichenbach in Germany and Colonel A. de Rochas in France began work on the externalization of sensitivity, while an English doctor, James Braid, discovered for himself that it was enough to fix the subject’s attention. to be magnetized to fall asleep. Spiritism was slowly taking shape, especially in France and England. The chemist William Crookes began to carry out scientific experiments on mediums and this led to the birth of a new collaboration in 1882. It was in fact Myers, Gurney and the physicist Barrett who founded the Society of Psychical Research in London. , which has as its purpose “the examination of the nature and extent of the influence that one spirit can exert on another, excluding any currently recognized mode of perception”, hence the foundation in 1884 of the American Society for Psychical Research (” American Society for Psychical Research “) by the famous American psychologist William James. All that follows is pure history of parapsychology, of which I will deal with the more technical aspects in another place, also because I am not going to dwell further and bore you! To conclude, I recommend a new in-depth reading, also written by Jung, like that of the previous article entitled “Psychology and alchemy”. If you like more information on this book, feel free to write me in the comments. If you buy it through this link you will leave a percentage of its cost to the blog, without any additional expense to be borne by you. With these words I conclude, I remind you to leave a star and vote for Storyteller’s Eye Word on Net-Parade! Just click in the blue bar below the article or in the blue banners on the home page and confirm. You can vote an unlimited number of times, just wait 60 minutes between one vote and the next. Hugs to all!

Sempre Vostra, Storyteller.

Always Yours, Storyteller.

siti

PARANORMALE, STORIA DE “L’ANGELO DELLA MORTE” by Eleonora Zizzi

Annunci

Un Saluto a tutti, Cari Lettori! Sul blog di Masticadores Italia, come precedentemente annunciato, è stato pubblicato il primo articolo in lingua italiana. Seguirà lo stesso in lingua inglese giorno 23 febbraio sul sito Globbers. L’articolo, come stabilito nei sondaggi, è a tema paranormale. Fatemi sapere cosa ne pensate!Lasciate una stellina, un commento e di votate per Storyteller’s Eye Word su Net-Parade! Basta cliccare nella barra blu sotto l’articolo o nei banner blu in home e confermare. E’ possibile votare un numero illimitato di volte, basterà attendere 60 minuti tra un voto e quello successivo. Un abbraccio a tutti!

Greetings to all, Dear Readers! On the blog of Masticadores Italia, as previously announced, the first article in Italian was published. The same will follow in English on February 23 on the Globbers website. The article, as established in the polls, is paranormal themed. Let me know what you think! Leave a star, a comment and vote for Storyteller’s Eye Word on Net-Parade!
Just click in the blue bar below the article or in the blue banners on the home page and confirm.
It is possible to vote an unlimited number of times, just wait 60 minutes between one vote and the next. Hugs to all!

Sempre Vostra, Storyteller.

Always Yours, Storyteller.

classifiche

Blog di Eleonora Link Un Saluto a tutti i Lettori di Masticadores! Io sono Storyteller’s Eye (alias Eleonora Zizzi) ed oggi per la prima volta, ospite di questa immensa e straordinaria realtà, vi presento una piccola parte del magico mondo di Storyteller’s Eye Word (nome del mio blog) e lo farò attraverso questo articolo, che […]

PARANORMALE, STORIA DE “L’ANGELO DELLA MORTE” by Eleonora Zizzi

EMPATIA: STORIE PARANORMALI (31 ottobre 2020)

Annunci

Un saluto a tutti, Cari Lettori! Finalmente il giorno di Halloween è arrivato ed è giusto festeggiarlo nel migliore dei modi anche qui nel magico mondo di Storyteller’s Eye Word. Il tema che vado a trattare non è sicuramente da meno rispetto ai precedenti dell’evento, per concludere queste giornate al meglio. Andando a documentarmi, non solamente per scrivere questi post, ma nel tempo per mia passione personale, sono arrivata a conoscenza di storie meravigliose rispetto al tema paranormale. La mia passione per il paranormale e per tutto ciò che riecheggia l’atmosfera gothic risale ormai ai tempi dell’adolescenza e da allora non mi ha mai abbandonato, continuando nel tempo a documentarmi e ricercare il tema intorno a me. In particolare oggi, come vi scrissi nei post precedenti, parlerò di foreste e fenomeni paranormali, in particolare della famosissima foresta di Hoia- Baciu, che caso vuole è situata a pochissima distanza dall’ancor più famoso Castello di Dracula, in Transilvania. E’ infatti considerato uno dei luoghi più infestati al mondo, a causa delle numerose apparizioni e sparizioni paranormali che ospita. Si dice che la foresta di Hoia- Baciu sia anche luogo di incontri con gli UFO, nonché la “casa del diavolo”, luogo in cui secondo le credenze quest’ultimo vive indisturbato. Ovviamente queste sono le apparizioni più eclatanti, a cui si sommano le più comuni apparizioni di semplici fantasmi. La foresta stessa, se si escludono i fenomeni

paranormali, ha un’atmosfera davvero spettrale: si estende infatti per oltre 250 ettari e alle spalle ha una storia di più di 200 anni. Nonostante l’età secolare di questa foresta, le prime notizie arrivate ad oggi risalgono solo agli anni ’60 del ‘900, quando per la prima volta si parlò di fatti inspiegabili avvenuti sulle piante della foresta. Molti fatti legati alle sparizioni si sono verificati, ma tre in particolare sono diventate famosi: si parla infatti della sparizione di un pastore con a seguito un gregge di 200 pecore, della storia di una bambina, scomparsa e poi inspiegabilmente ricomparsa dopo cinque anni, del tutto ignara del tempo passato e senza essere invecchiata dal momento della sparizione, infine vi è il caso di una donna scomparsa per lungo tempo e ritrovata con una moneta del ‘500 in tasca, ovviamente anch’essa ignara dell’accaduto. A seguito della verifica di tali episodi si è iniziato a pensare all’’esistenza di un varco temporale all’interno del bosco. In luce a ciò per lungo tempo il biologo Alexander Sift ha indagato sui misteri della foresta, diventando esso stesso vittima della stessa. Dopo averla visitata per la prima volta infatti riportò febbre e ustioni su tutto il corpo. In seguito alcuni studi hanno dimostrato la presenza di una forte attività radioattiva su tutta l’estensione della foresta, a causa dell’elevato livello di uranio naturale nel sottosuolo e sulle pianti maggiori. Con queste parole concludo. Voi cosa ne pensate? La storia vi ha incuriosito? Qualora fosse cosa gradita lasciate un commento per darmi la vostra opinione in merito. Quindi vi saluto, con un forte abbraccio e augurandovi un felice Halloween a tutti!

Sempre Vostra, Storyteller.

Annunci
Annunci

EMPATIA: STORIE PARANORMALI (seconda parte)

Annunci

Un saluto a tutti, cari Lettori! Finalmente torno, dopo una settimana intera, a parlare di paranormale con questo speciale evento di Halloween. Quest’anno, a causa delle restrizioni anti-covid volute dal nostro governo, del tutto giustificate sia chiaro, questa giornata si festeggerà in maniera insolita, ma non per questo è necessario rinunciare a questo mondo. Qui su Storyteller’s Eye Word, essendo che siamo tutti insieme e distanti allo stesso tempo, le attività scorrono come sempre, beneficiando di curiosità, condivisione e perchè no di emozioni. Nello speciale di oggi in particolare parlerò di un manicomio abbandonato e di tutto ciò che tutt’ora vive indisturbato in questo ambiente spettrale. Per i più giovani che seguono il blog, non si esclude nessuno qui, i manicomi erano ambienti di ricovero per persone aventi ritardi e deficit sia psichiatrici che fisici, anche se la priorità era volta a chi dimostrava forti disturbi psichici. Sembra che spesso residui psichici di fantasmi restino per l’eternità in questi luoghi, causa delle morti violente che i pazienti dovevano subire in seguito ai lunghi periodi di sofferenza. A sostegno di questa tesi alcuni test dimostrerebbero che il maggior numero di testimonianze di

comunicazione paranormale siano situate proprio in luoghi come sedi di incidenti mortali,  ospedali, ex manicomi e case abbandonate dopo una grave tragedia. Ma ora iniziamo subito il racconto di oggi. Ci troviamo a Spring City (Pennsylvania). Intorno agli anni ’30 negli USA non era raro il ricovero dei malati di tubercolosi e simili in strutture come i manicomi, proprio perchè quest’ultime avevano spesso sede fuori città. In questo modo del tutto indisturbati, i manicomi diventavano sedi di epidemie. Uno dei manicomi che risultò più stupefacente fu il  Pennhurst State School. Si trattava, come suggerisce il nome, di un istituto di recupero per persone che manifestavano malattie psichiatriche, al fine di insegnargli i meccanismi di vita essenziali e vivere nel modo più “normale” possibile. Presto però, nonostante questa fu la sua funzione ideale, divenne un semplice luogo di ricovero, un vero e proprio manicomio appunto. In breve tempo, malati affetti da diverse patologie e di genere differente, vennero messi in sale comuni e ciò creò da subito il caos. Già dopo pochi anni dall’apertura i casi di stupro erano ingestibili e il personale cercò di dividere i soggetti più pericolosi dagli altri, al fine di evitare questi episodi quanto più possibile. Dopo poco tempo anche tutte le donne in età fertile vennero messe in isolamento, per evitare gravidanze indesiderate e successivi aborti, ormai frequenti per scongiurare le malelingue. A partire dal 1916 venne dichiarata ufficialmente la divisione di maschi e femmine, in due edifici distinti. Ma ai problemi che già si erano verificati se ne aggiunsero altri: il personale era infatti scarso e poco qualificato e la mancanza di igiene dei pazienti portò gli stessi a contrarre numerose malattie. Dopo la verifica di centinaia di vittime tra i pazienti, lo staff medico vennero arricchito, ma ciò non bastò a placare quella che ormai era diventata una vera epidemia. Prima che l’istituto poté assistere a un reale miglioramento si dovrà attendere fino al 1977: il Pennhurst State School venne processata e condannata per violazione dei diritti costituzionali e umani, per percosse ai danni dei pazienti, isolamenti ingiustificati con conseguente peggioramento delle patologie mentali dei malati, abusi sessuali e accanimento terapeutico con dispositivi di elettroshock. Poco alla volta tutti i padiglioni vennero svuotati, fino al 1987, quando venne definitivamente chiusa. Nella struttura, ormai abbandonata e fatiscente, si verificano tutt’ora strani fenomeni paranormali. Molti curiosi, a partire dagli anni ’90 si aggirano in questi edifici, dichiarando di sentire voci provenire dall’interno dell’edificio, subire aggressioni fisiche come graffi e spintoni da forze invisibili quando si passa nei suoi pressi, vedere ombre o fugaci apparizioni di figure umane, globi di luce all’interno e di sentire forti rumori e urla provenire dai sotterranei. Voi cosa ne pensate? Conosceva questa storia agghiacciante? Con queste parole concludo e con un forte abbraccio auguro a tutti voi una buona giornata.

Sempre Vostra, Storyteller.

Annunci
Annunci

EMPATIA: STORIE PARANORMALI (prima parte)

Annunci

Un saluto a tutti, Cari Lettori! Oggi finalmente inizia il mio racconto a tema halloween e come ho già definito nell’articolo di ieri introduttivo (che vi invito a leggere se ancora non lo aveste fatto https://storytellerseyewords.com/2020/10/23/viaggi-la-storia-di-halloween-23-ottobre-2020/) si parlerà di leggende inerenti ai fenomeni paranormali, ovvero il grande mondo parallelo e a noi sconosciuto di anime e fantasmi, vittime in passato di morti violente ed esistenze dannate. Prima di iniziare

ci tengo a ringraziarvi per il gran numero di apprezzamenti che avete lasciato al precedente articolo dell’evento, ciò non solo mi rende felice ma mi porta a comprendere se i contenuti che porto sul blog sono apprezzati o no. Detto questo, iniziamo. Oggi non tratterò una sola leggenda, bensì tre, legata a ville e castelli veramente unici. Prima storia di oggi è quella della “Casa Rossa”, questo il suo nome più emblematico, ciò perchè osservando le pareti esterne si notano dei punti in cui la tinta ancora risalta, appunto di un bel rosso mattone. La dimora, una villa storica, è stata abbandonata molto tempo fa, risultando oggi fatiscente e ricca di arbusti selvatici che crescono al suo interno. Questo la resa il covo ideale di spettri e spiriti, che ormai sono diventati i veri proprietari della villa. Altri appellativi con cui viene riconosciuta è “Villa delle Streghe” anche se in realtà si chiama ” Villa De Vecchi”. Si trova nella città di Cortenuova, in provincia di Lecco, e venne costruita tra il 1854 e il 1858 per volontà del Conte Felice de Vecchi, allo scopo di usufruirne come residenza estiva. La storia che si narra riguardo a questa villa ha dei risvolti davvero macabri: sembra infatti che il conte non poté godere a lungo della sua nuova dimora in quanto pochi anni dopo la sua costruzione trovò sua moglie morta in una delle stanze e la figlia scomparve, senza lasciare traccia. Per cause ai posteri ignote, anche il conte stesso morì nel 1862. La casa allora venne data in eredità al fratello del conte, ma un episodio analogo tornò a incutere terrore a Villa De Vecchi. Infatti il custode trovò anch’egli la moglie morta in modo violento e ciò lo indusse a togliersi la vita per il troppo dolore. Intorno agli anni ’20

del ‘900 le voci tornarono a girare sulle strane e presunte morti avvenute alla villa, ma nulla fu davvero confermato. Ciò che però rende queste storie paranormali sono i fatti e le apparizioni avvenute negli ultimi anni. Molti curiosi si sono introdotti nell’edificio, raccontando di aver sentito il suono di un pianoforte che aleggiava fra le stanze seguito da numerose e particolari apparizioni molto difficili da definire. La seconda storia che voglio raccontare è quella di “Villa Stuart”. Si tratta di uno dei luoghi più misteriosi e spettrali della nostra amata capitale, situata sulla Via Trionfale. Secondo la leggenda, che risale all’800, Lord Allen ed Emmeline Stuart, acquistarono la villa, desiderosi di trovare una stabile dimora in Italia. Il fatto che ha dato origine alle leggende fu la spiccata propensione della signora ha svolgere ricorrenti sedute spiritiche, evocando quindi spiriti che nel tempo hanno preso dimora stabile alla villa. Il fatto ancor più strano è che presto rimasero entrambi vittime della pazzia. Poco tempo dopo Lord Allen sparì, ma contrariamente a quanto si vociferava, ovvero che se ne fosse andato, luì morì in modo sospetto e Emmeline in seguito alla sua morte, decise di murare il suo corpo in una finta parete in cantina per averlo sempre accanto a sè. Ultima storia, ma non per questo meno importante, è la storia del Castello di Valsini, situata nei pressi di Matera. Legata a questo castello vi è la storia di una donna morta per amore. Lei era la poetessa Isabella Mora, che contrariamente a quanto si pensava tra le gente non si uccise, ma venne brutalmente assassinata per mano dei suoi fratelli Decio, Fabio e Cesare. Il motivo di questo atto terribile fu che quest’ultimi vennero a conoscenza dopo lungo tempo di una una fitta corrispondenza tra lei e Diego Sandoval De Castro, nobile sposato e nemico di famiglia. Secondo la leggenda l’anima della donna vaga ancora tra le stanze del castello, piangendo un amore mai vissuto davvero. Così si conclude questo primo excursus sul mondo del paranormale, seguiranno altre storie nell’appuntamento di venerdì prossimo. Fatemi sapere con un commento e con una stellina se l’articolo vi è piaciuto. Vi mando un grosso abbraccio, augurandovi buon weekend.

Sempre Vostra, Storyteller.

Annunci
Annunci

POST ORDINARIO: NUOVO PROGRAMMA, SPECIALE HALLOWEEN. (9 ottobre 2020)

Annunci

Un saluto a tutti, cari Lettori! Come promesso ieri nella story su Instagram e nel post sul blog mi accingo a comunicare le informazioni in merito al nuovo mini programma a tema Halloween. Visto la mia spiccata passione per il mondo paranormale, ovvero tutto ciò che riguarda fantasmi, case infestate e storie bizzarre riguardo i seguenti argomenti, ho deciso di creare quattro articoli distinti, di cui il primo sarà introduttivo e tratterà il tema Halloween come festività e leggenda che vede la sua origine, i successivi articoli che tratterò saranno tre storie che ho selezionato, in quanto particolarmente interessanti e significative secondo il mio parere. La programmazione inizierà a partire dal 23 del mese fino appunto alla fine di ottobre, quindi con la stessa giornata dedicata alla famosa “notte delle streghe”.In seguito trovate la programmazione. Colgo l’occasione per ringraziarvi. Siamo ormai vicinissimi ad un nuovo traguardo di iscritti e ciò solo grazie alla fiducia che riponete nei confronti del magico mondo di Storyteller’s Eye Word. Di certo è un mondo speciale, alternativo, che va compreso. Il suo spirito è quello della “cultura per tutti”. Di solito questo genere di argomenti si associano a un linguaggio formale e accademico, ma questo non è il caso perchè qui tutti possono fruire delle curiosità, del sapere e della condivisione a qualsiasi età e con qualsiasi titolo di studio, ciò è per me molto importante. Se volete entrare a far parte di questo mondo potete iscrivervi allo stesso blog come follower e ai social, Instagram (storytellerseyeword) e Facebook (Storyteller’s Eye). Un forte abbraccio a tutti!

MINI PROGRAMMA SPECIALE HALLOWEEN:

  • VIAGGI: STORIA DI HALLOWEEN (23 ottobre)
  • EMPATIA: STORIE PARANORMALI, PRIMA PARTE (24 ottobre)
  • EMPATIA: STORIE PARANORMALI, SECONDA PARTE (30 ottobre)
  • EMPATIA: STORIE PARANORMALI, TERZA PARTE (31 ottobre)

Sempre Vostra, Storyteller.

Annunci
Annunci

DIARIO DI LIBERO PENSIERO: GOST, RIFLETTO CON VOI. (24 luglio 2020)

Annunci

Un saluto a tutti cari Lettori! Mi ritaglio un momento per condividere con voi una riflessione in merito ad un film che ho visto pochi giorni fa in tv. Premetto che si tratta di un film famoso, che in tanti avranno visto. Io vuoi per l’età, vuoi perchè se la mia famiglia ha già visto un film non si guarda più, incuranti del fatto che personalmente posso averlo visto o no (una specie di legge non scritta), mi sono imbattuta solo in questi giorni nella sua visione. Si tratta di Gost, un film che ho scoperto essere del 1990, che vede protagonista una giovanissima Demi Moore, affermata come attrice proprio in seguito a questa produzione, Patrick Swayze e la straordinaria Whoopi Goldberg, di cui adoro praticamente tutti i suoi film. La trama, visto che si tratta di un cult, la riassumo brevemente. E’ la storia di due giovani, Sam e Molly. Sono innamorati e felici, convivono da tempo in un loft a New York e sono ormai prossimi al matrimonio. Un tragico avvenimento porta i loro sogni a spezzarsi. Una sera, intenzionati a rientrare a casa dopo una piacevole serata a teatro, vengono aggrediti da un rapinatore, che trovandosi in difficoltà spara a Sam, uccidendolo. Da allora il suo spirito inizierà a vegliare sulla compagna, nonostante lei fosse ignara di tutto. Il

suo obbiettivo, oltre a quello di vigilare sull’amata, è quello di fare luce su quanto accaduto. Molly nel corso del tempo riuscirà anche a mettersi in contatto con Sam, grazie all’aiuto di una sensitiva (interpretata dalla Goldberg). Devo ammettere che mi ha dato nuovi spunti di pensiero e questa è la ragione per cui ora mi trovo qui a scrivere. Oltre a consigliare la visione a chi non lo avesse ancora visto, ammetto che subito mi ha portato a pormi delle domande. Tra le mie tante passioni, c’è quella del paranormale, dell’esistenza fra noi comuni mortali di coloro che, in seguito al passaggio nell’aldilà, sono diventati immortali. E’ la grande domande che tutti si pongono e denota, come tutte le domande come questa, idee discordanti. Le varie risposte che l’uomo ha potuto dare si affermano in base a molte ideologie precedentemente costruite, come la religione ad esempio, che definisce svariate definizioni del post-morte, ma anche la scienza, che vede il corpo come sconnesso da una materia impercettibile, fatto di materia fine a se stessa. Io credo che la risposa è talmente fuori dalla nostra portata che non esiste un giusto e uno sbagliato, in questi casi si crede alla risposta che è più affine alle nostre idee. Io credo molto nel paranormale, forse un giorno vi spiegherò il perchè. Questo è un periodo di perdite, a causa della pandemia che abbiamo violentemente vissuto fino a pochi giorni fa. Tante persone si aggrappano all’esistenza di una vita nell’aldilà, sperano che il proprio caro sia lì accanto a loro, proprio come Sam per la sua Molly. Voi cosa pensate? Credete sia positivo credere nella realtà di questa “seconda vita” o siete contrari, preferite evitare l’illusione? Quello che so è che è sempre piacevole per me confrontarmi con la family, nel magico mondo di Storyteller’s Eye, con pensieri che spesso possono portare a riflessioni e idee contrastanti. Un grande abbraccio.

Sempre Vostra, Storyteller.

Annunci
Annunci

EMPATIA: FORSE GLI ANGELI ESISTONO (Testo trasferito del 2 aprile 2020)

Buonasera Lettori. L’articolo di questa sera comprendere e pretende, seppur in modo assolutamente innocente, un riflessione da un pensiero che mi affligge in questi giorni più che mai, visto il periodo non particolarmente rassicurante che corre. Ieri, nonostante non abbia avuto il desiderio di scrivere nulla, visto che nessuna particolare ispirazione nel corso delle ore mi era sorta, mi sono cimentata in un’affannosa ricerca che mi conducesse al tanto agognato traguardo. Giunsi infine ad un pensiero. Nel corso di queste giornate in TV hanno lanciato forti messaggi di vicinanza e di rispetto verso la società. Ma mi rendo conto che finché il pensiero non giunge spontaneamente alla mente, i messaggi restano pressoché inutili. Con ciò non voglio insinuare che il loro contenuto non sia nobile e che l’impegno di chi l’ha scritto non abbia valore. Al contrario credo che per ottenere davvero la comprensione di un messaggio è necessaria l’attenzione del pubblico a cui viene indirizzato. La verità è che spesso succede anche me: contenuti, parole e pensieri scorrono di fronte ai miei occhi senza penetrare la mia mente, finché non sono io stessa a deciderlo. Vedendo quante persone ogni giorno perdono la vita, lasciando per sempre i loro cari, mi sono chiesta com’è possibile, che l’amore e l’affetto provato in vita si cancellare in un istante, che una qualche materia, forse invisibile, non resta accanto a chi rimane sulla Terra in carne ed ossa. Fu allora che in seguito a svariate ricerche, arrivo ad un contenuto sul web che attira straordinariamente la mia attenzione, sostenendo una tesi fino ad allora vagamente considerata. La mia risposta, forse, era contenuta nel ” Bardo Thodol“, comunemente noto come il “Libro Tibetano dei Morti”, scritto nel corso dell’ottavo secolo.


Si basa sul credo religioso buddhista, dell’assoluta importanza per l’uomo di raggiungere l’illuminazione, nulla oltre della piena coscienza dell’irrealtà del mondo sensibile e del proprio io. La figura di Dio è soltanto illusione che la mente umana crea, andando oltre però si giunge all’illuminazione. Il pensiero induista crede che l’uomo durante la vita accumuli il Karma e da ciò ne deriva quello che comunemente si rende noto come il fenomeno della reincarnazione. Attraverso la recita del testo in questione alla persona morente, quest’ultima raggiunge l’illuminazione, ovvero il mezzo per “ritornare in vita”. Non so se tutto ciò è possibile. Al contrario del buddismo che crede esclusivamente alla reincarnazione, io credo in entità di materia impercettibile, precedentemente avvolta nei corpi di persone a noi defunte, in grado di starci accanto, di manifestarsi con piccoli momenti di gioia inspiegabili, assumendo talvolta il ruolo di angeli custodi. I legami delle persone, soprattutto quelli più forti, sono destinati a non dissolversi mai. Oggi, a causa di questa piaga infernale, che non solo affligge la nostra salute, ma anche per conseguenza diretta il nostro cuore, molti di questi legami sono stati distrutti, seppur solo in senso materiale. Perciò dedico queste parole a coloro che hanno perso la battaglia, ma anche a chi oggi soffre la mancanza di quest’ultimi. E’ dunque ciò da considerarsi un momento di riflessione, di raccoglimento, ma soprattutto di rispetto, perchè è giusto, per queste vittime innocenti, prendere coscienza di tutto ciò che sta succedendo e del male che sta portando.
Mi raccomando, siate forti. La nostra forza sarà la nostra salvezza.

Sempre Vostra, Storyteller.