LIBERO PENSIERO EXTRA: PENSIERI DI NATALE. (24 dicembre 2020)

Annunci

Un saluto a tutti, Cari Lettori! Un breve ma intenso messaggio legato al significato lo condivido con voi in questo post, perché in tanti, personaggi famosi e personalità illustri della storia hanno espresso il loro pensiero in merito. Quelle che leggerete sono tre citazioni scelte da me, le cui parole mi hanno piacevolmente impressionato. Primo il grande Charles Dickens, un’oratore dal forte spirito natalizio. Il Natale per egli è il momento in cui tutti, in modo più o meno evidente, aprono i loro cuori all’amore, all’unione e alla magia stessa del Natale. Per quanto questa affermazione possa sembrare opinabile, anche perché alcune persone restano se stesse in qualsiasi condizione, è vera nella maggior parte dei casi. Ad ogni modo sognare, soprattutto a Natale, vivendo i nostri momenti conviviali nell’amore, é un aspetto significativo e ricco di fascino. La seconda citazione è da attribuire a Bob Hope, parla ancora una volta di amore in associazione al giorno di Natale, ma ci porta al tempo stesso a riflettere, perché non è necessario attendere il Natale per essere delle persone buone o semplicemente per rispettare il prossimo, é piuttosto un’arte da coltivare giorno dopo giorno. Con la terza citazione poi a parlare è Calvin Coolidge. Per egli Natale é uno stato d’animo, una condizione che si palesa ogni anno nel poprio essere. Anche in questo caso le parole sono poche, ma il fascino trasmesso é immenso. Detto ciò qual’è la vostra preferita? Per chi legge in lingua inglese traduco nel primo commento le citazioni, in modo che tutti possano leggere queste bellissime parole. Vi ricordo di lasciare una stellina, di commentare con il vostro messaggio preferito, non necessariamente uno di questi, di iscrivervi al blog e di votare per Storyteller’s Eye Word su Net-Parade! Basta cliccare sulla barra blu sotto questo post o nei banner blu in home e confermare. Potete votare un numero illimitato di volte, basta attendere 60 minuti tra un voto e quello successivo. Un abbraccio a tutti!

Greetings to all, Dear Readers! A short but intense message related to meaning I share with you in this post, because many, famous people and illustrious personalities of the story have expressed their thoughts on the matter. The ones you will read are three quotes chosen by me, whose words impressed me pleasantly. First the great Charles Dickens, a speaker with a strong Christmas spirit. Christmas for him is the moment when everyone, more or less evidently, opens their hearts to the love, union and magic of Christmas itself. As questionable as this statement may seem, also because some people remain themselves in any condition, it is true in most cases. In any case, dreaming, especially at Christmas, living our convivial moments in love, is a significant aspect and full of charm. The second quote is to be attributed to Bob Hope, he speaks once again of love in association on Christmas Day, but at the same time leads us to reflect, because it is not necessary to wait for Christmas to be good people or simply to respect others, it is rather an art to cultivate day after day. With the third quote then to speak is Calvin Coolidge. For him Christmas is a state of mind, a condition that is revealed every year in the poprio be. Again the words are few, but the transmitted charm is immense. That said, what’s your favorite? For those who read in English I translate the quotations in the first comment, so that everyone can read these beautiful words. I remind you to leave a starlet, comment with your favorite message, not necessarily one of them, subscribe to the blog and vote for Storyteller’s Eye Word on Net-Parade! Just click on the blue bar below this post or in the blue banners at home and confirm. You can vote an unlimited number of times, just wait 60 minutes between votes. A hug to everyone!

Sempre Vostra, Storyteller.

Always Yours, Storyteller.

siti
Annunci
Annunci

LIBERO PENSIERO: GLI AUGURI DI BUON NATALE DA STORYTELLER’S EYE WORD! (24 dicembre 2020)

Annunci

Un Saluto a tutti, Carissimi Lettori! Oggi è la Vigilia di Natale è di consueto accade nel magico mondo di Storyteller’s Eye mi accingo a modo mio ad augurarvi il miglior Natale. Quest’anno è il primo anno che festeggio con voi la festività per eccellenza sulla piattaforma WordPress, credevo di essere praticamente sola vista la mia scelta, invece in meno di un anno siamo cresciuti tantissimo, voi come lettori e io come autore di contenuti da portare sul blog. Mi fate sentire a casa, una grande famiglia alternativa per cui nessuno è migliore o peggiore di altri, in cui tutti sono la parte di un tutto omogeneo. Avete imparato ad apprezzare le mie attività e oggi la family di Storyteller’s Eye conta ben oltre i 400 iscritti. La mia gioia è immensa, davvero grazie di cuore a tutti voi per la fiducia che costantemente mi riservate. Le mie idee ovviamente non mancano e in questo periodo di festività e continuerà la programmazione nonostante tutto. E’ il primo anno che accade! Ci saranno eventi e iniziative su tutte le piattaforme, recensioni nella rubrica “I CONSIGLI DI STORYTELLER’S EYE” e articoli di divulgazione e curiosità tra i più disparati. Purtroppo come credo avrete intuito sono una persona sensibile, ho avuto, un pò come tutti d’altronde, periodi difficili e non é raro per me cadere in periodi di sconforto, causato da una serie di ragioni. Eppure questo blog, al momento della sua creazione, oltre 7 anni fa, come ora, mi ha aiutato molto a superare i miei limiti , le mie paure e i miei stati di malessere psicologico. La consapevolezza di avere un luogo in cui confidare i miei segreti é da sempre un grande sostegno. Anche per questo un grazie non basta. Storyteller ‘s Eye Word è un tassello fondamentale della mia vita. Questi giorni saranno diversi dal soliti, le varie restrizioni e regole che sono state emanate su tutto il nostro paese ci costringono il più possibile all’isolamento e alla tutela della nostra salute. Nonostante ciò spero che voi tutti possiate passare un gioioso e sereno Natale, in compagnia dei vostri cari. Con queste parole concludo, vi ricordo di leggere anche il secondo articolo pubblicato oggi, dedicato anch’esso al Natale. Lasciate, qualora fosse cosa gradita una stellina, un commento di auguri, di seguire il blog e di votare per Storyteller’s Eye Word su Net-Parade. Basta cliccare sulla barra blu sotto il post o nei banner blu in home e confermare. Potete votare un numero illimitato di volte, basta attendere 60 minuti tra un voto e quello sucessivo. Un abbraccio a tutti!

Greetings to all, dear readers! Today is Christmas Eve and it usually happens in the magical world of Storyteller’s Eye I am going in my way to wish you the best Christmas. This year is the first year that I celebrate with you the holiday par excellence on the WordPress platform, I thought I was practically alone given my choice, instead in less than a year we have grown a lot, you as readers and I as author of content to bring to the blog. You make me feel at home, a big alternative family so no one is better or worse than others, where everyone is the part of a homogeneous whole. You have learned to appreciate my activities and today the Storyteller’s Eye family has well over 400 subscribers. My joy is immense, really thank you very much to all of you for the trust you constantly reserve for me. My ideas obviously do not lack and in this holiday period and will continue the programming despite everything. This is the first year that has happened! There will be events and initiatives on all platforms, reviews in the column “STORYTELLER’S EYE TIPS” and dissemination articles and curiosities among the most diverse. Unfortunately, as I believe you will have guessed, I am a sensitive person, I have had, like everyone else, difficult periods and it is not uncommon for me to fall into times of despondency, caused by a number of reasons. Yet this blog, at the time of its creation, over 7 years ago, as now, helped me a lot to overcome my limits, my fears and my states of psychological malaise. The awareness of having a place to trust my secrets has always been a great support. That is also why a thank you is not enough. Storyteller’s Eye Word is a key piece of my life. These days will be different from the usual, the various restrictions and rules that have been enacted throughout our country force us as much as possible to isolate and protect our health. Nevertheless, I hope that all of you will be able to spend a joyful and serene Christmas, in the company of your loved ones. With these words I will end, I would remind you to also read the second article published today, also dedicated to Christmas. Leave a starlet, a comment of good wishes, follow the blog and vote for Storyteller’s Eye Word on Net-Parade. Just click on the blue bar below the post or in the blue banners at home and confirm. You can vote an unlimited number of times, just wait 60 minutes between one vote and the next. A hug to everyone!

Sempre Vostra, Storyteller.

Always Yours, Storyteller.

siti
Annunci
Annunci

LIBERO PENSIERO: PENSIERI SU NIGHTMARE BEFORE CHRISTMAS.(17 dicembre 2020)

Annunci

Un Saluto a tutti, Cari Lettori! Intanto mi scuso tempestivamente per la pubblicazione in ritardo dell’articolo. Le motivazioni le ho definite nel post di ieri di Instagram, in particolare della rubrica ECHI DI ROMANTICISMO in merito ad una segnalazione (trovate il link condiviso nel post precedente a questo e su Instagram ovviamente). Ma detto ciò vi parlo dunque di uno dei film d’animazione più ricorrenti e significativi del periodo natalizio, nonché uno dei miei preferiti insieme a pochi altri. Mi riferisco ovviamente a Nightmare Before Christmas, capolavoro del regista Tim Burton (qui nelle vesti di ideatore della trama), con la collaborazione di Henry Selick, vero regista del film. In questo articolo voglio condividere cinque curiosità importanti che forse in pochi conoscono, o non hanno avuto modo di notare, rispetto al film in questione. Il primo aspetto particolare é che gli spettatori avrebbero dovuto assistere alla decapitazione dello stesso Tim Burton in una scena finale del film, modificata poco prima della messa in onda al cinema! Si trattava di un elogio che il regista aveva intenzione di fare all’ideatore del film. Nella scena il Natale giunge finalmente a Halloween Town, il clima è festoso e la neve diventa motivo di divertimento e di giubilo tra gli abitanti, tanto che si scorge un gruppo di vampiri intenti a giocare ad hockey. Questi, dopo alcuni azioni colpiscono una zucca, che successivamente si scaglia contro la macchina da presa. Ebbene nelle intenzioni originali di Henry

Selick al posto della zucca doveva esserci la testa di Tim Burton. La scena è stata infine modificata per volontà di una produttrice, che temeva il disappunto di Burton. Oggi lo stesso Henry però ricorda l’accaduto definendosi pentito di non aver chiesto direttamente all’interessato la sua opinione. Secondo aspetto rilevante sono i costi e l’impegno atto alla realizzazione del film. Esso è infatti costato 18 milioni di dollari e ha richiesto una troupe di circa 120 elementi i quali hanno lavorato su ben 230 set differenti, su 20 teatri di posa per ben tre anni! Nulla all’epoca della realizzazione del film era digitalizzato e ricreato in grafica, lo stesso Jack Skeletron venne modellato a mano, con ben 400 teste differenti, ognuna con una diversa espressione. Il film fu dunque il risultato di 109.440 fotogrammi diversi. Altro aspetto saliente è che fu lo stesso Tim Burton a chiedere aiuto in regia all’amico Henry Selick. L’idea del film nacque infatti da una sua poesia illustrata realizzata in collaborazione con la Disney. Burton infatti rimase folgorato dall’ispirazione dal momento che vide un negoziante intento a rimuovere le decorazioni di Halloween per far spazio a quelle natalizie. Ultima, ma non di minore importanza é però l’ultima curiosità. Si perché c’era l’idea nel 2001 di fare un sequel di Nightmare Before Christmas. L’idea, nonostante le volontà della produzione, ovvero quella di Topolino, venne bocciata dallo stesso Tim Burton, che non voleva la purezza del film originale con un proseguo in digitale. Con queste parole concludo, vi ricordo di lasciare una stellina, un commento, di seguire il blog e di votare per Storyteller’s Eye Word su Net-Parade! Basta cliccare sulla barra blu sotto questo articolo o nei banner blu in home e confermare. Potete votare un numero illimitato di volte, basta attenere 60 minuti tra un voto e quello successivo. Un forte abbraccio.

Sempre Vostra, Storyteller.

href=”https://www.net-parade.it/cgi-bin/votazione.aspx?utente=Ssito
Annunci
Annunci

EMPATIA: NATALE SECONDO LA TRADIZIONE ANGLOSASSONE (16 dicembre 2020)

Annunci

Un saluto a tutti, Cari Lettori! Oggi la rubrica EMPATIA del magico mondo di Storyteller’s Eye festeggia questi giorni di attesa delle festività natalizie in modo particolarmente speciale, con uno sguardo attento alle tradizioni che si verificano ogni anno oltre il canale della Manica. Infatti molteplici sono le usanze tipiche di questo periodo in Inghilterra e in questo articolo analizzeremo insieme le principali. Ovviamente personaggio di rilievo, nonché simbolo del Natale é Father Christmas\ St. Nicholas. Per gli anglosassoni é un personaggio pieno di storia e le sue origini risalgono al quarto secolo a. C. quando un vescovo, St. Nicholas appunto, viveva nel paese di “Myra”, nell’Asia Minore. Egli era particolarmente ricco, in quanto erede fin dalla giovane età del denaro di famiglia, ma anche altrettanto generoso: regalava infatti in gran segreto tutto ciò di cui i più poveri avevano bisogno. Da questo fatto, probabilmente davvero accaduto, nacque la leggende di Father Christmas, un uomo visibilmente anziano che lascia sotto l’albero o in calze appese al camino regali tra i più differenti ogni 25 dicembre. La tradizione anglosassone vuole che la sera della Vigilia i famigliari lascino sotto l’albero a completa disposizione dei mince pies e delle carote per le renne. Altro aspetto davvero fondamentale in Inghilterra è il famoso Queen’s Speech, ovvero il discorso che la Regina tiene ogni anno il 25 dicembre per i consueti auguri di buon Natale e di felice anno nuovo. La tradizione nacque però nel 1932, quando il Re George V lesse un discorso scritto da Rudyard Kipling. Da allora visto il grande successo viene replicato il discorso e milioni di persone in tutto il mondo si collegano per un momento di raccoglimento e di ascolto. Arrivando quindi alle usanze più leggere della cultura inglese abbiamo il King’s Paper Crown, ovvero le corone di carta. Si tratta di corone di carta appunto, solitamente in oro o argento, da indossare durante il giorno di Natale, un dettaglio molto apprezzato dai più piccoli. È facilmente reperibile in commercio, di solito all’interno delle confezioni dei famosissimi Christmas Crackers. Messi in modo da formare un piccolo tubo, sono

sempre confezionati in carte festose e colorate, sono stati introdotti dall’inventore britannico Tom Smith nel 1847. Viene aperto tirandone un estremità, finché non si sente un piccolo schiocco, segno che il cracker si è correttamente spezzato. A quel punto é possibile trovare insieme ai crackers piccole sorprese, piccoli biglietti con filastrocche e auguri, piccoli giocattoli e corone di carta. Questi pacchetti sono solitamente utilizzati come segnaposto, da regalare a tutti i commensali. Ultimo ma non meno importante tra i simboli del Natale anglosassone il Mistletoe, ovvero il vischio. Le sue origini risolgono all’era vichinga, per i quali era un oggetto sacro. I druidi infatti, credendo nelle sue virtù magiche, utilizzava il vischio nei riti e sacrifici in onore degli dei. Chiunque si incontrasse nei pressi di una pianta di vischio doveva astenersi dai combattimenti, anche nel caso in cui fossero rivali. Le case e le capanne decorate con tale pianta erano rifugi sicuri per chiunque ne avesse necessità. Il termine stesso nel linguaggio vichingo definiva la sua naturale attitudine alla cura, al curare: infatti veniva spesso impiegato come erba curativa. La tradizione del bacio si associata a quelle precedentemente elencate grazie alla dea Freya, protettrice dell’amore e degli innamorati. Ad ogni bacio dato sotto il vischio bisogna staccare un bacca, quando tutte le bacche verranno staccate la magia giungerà al termine. Con queste parole concludo, vi ricordo di lasciare una stellina, un commento e di seguire il blog, infine di votare per Storyteller’s Eye Word su Net-Parade! Basta cliccare sulla barra blu sotto questo post o nei banner blu in home e confermare. Potete votare un numero illimitato i volte, basta attendere 60 minuti tra un voto e quello successivo. Un forte abbraccio.

Sempre Vostra, Storyteller.

siti web
Annunci
Annunci

LIBERO PENSIERO: UN MESE CARICO DI MAGIA. (2 dicembre)

Annunci

Un saluto a tutti, Cari Lettori! Questo è il primo post della settimana e visto che ieri è iniziato ufficialmente il mese di dicembre ( e con esso il freddo polare, la neve e perchè no il festoso clima natalizio, almeno qui da me in Piemonte), ci tenevo a commemorare nel migliore dei modi questo periodo da me tanto atteso. Sì, perchè o sei il Grinch o altrimenti la magia del Natale si apprezza. Non posso negare che dicembre abbia aspetti il cui punto di vista sia

contrastante, ma il Natale è bello, che poco da fare, soprattutto se si festeggia in buona compagnia, se si vive al meglio le piccole cose. Il semplice addobbare gli ambienti domestici, preparare dei biscotti, passare i weekend che precedono la festività con la famiglia, magari guardando i soliti film che da anni ci tormentano, è un bel modo di portare a casa la magia che da sempre contraddistingue queste giornate. L’inverno più in generale, con tutte le difficoltà che porta con sè, lo trovo meraviglioso, è lo sfondo delle feste. Non riuscirei ad accettare psicologicamente, per come da anni sono abituata, di festeggiare d’estate il Natale, come accade dall’altra parte del mondo, in Australia o in Nuova  Zelanda ad esempio. Sono aspetti fondamentali, che rendono unici questi giorni. Ma per tutto ciò che posso dire in queste brevi righe, la cosa migliore è che dicembre porta con sé un aria di spensieratezza, dove con la mente si torna bambini e si comincia a sognare, come per lungo tempo non c’è modo di fare. Tutto a dicembre sembra fermarsi, intorno a noi tutto diventa calmo e rilassato e anche ciò che si deve per forza svolgere di fretta, si conclude con una gioia diversa. Mi piace ogni anno dedicare un post a questa giornata, il simbolo dell’inizio di un nuovo periodo da vivere. Voi cosa ne pensate? Credete nel Natale ? Amate l’inverno o preferite i mesi estivi? Ad ogni modo a contraddistinguere questo mese insieme saranno novità, iniziative e contenuti speciali a tema natalizio e invernale. Non vedo l’ora! Con queste parole conclu do, vi ricordo di lasciare una stellina e un commento e di votare per Storyteller’s Eye Word su Net-Parade!Basta cliccare sulla barra blu sotto questo post o nei banner blu in home e confermare. È possibile votare un numero illimitato di volte, basterà attendere 60 minuti tra un voto e quello successivo. Un forte abbraccio!

Sempre Vostra, Storyteller.

<a href=”https://www.net-parade.it/cgi-bin/votazione.aspx?utente=StorytellersEyeWord
Annunci
Annunci