VIAGGI: LUIGI XIV. (23 giugno 2021)

Annunci

Un Saluto a tutti, Cari Lettori! Nell’articolo di oggi, come suggerito nel titolo, parleremo di un personaggio particolarmente noto e importante per il corso della storia Europea, in particolare quella francese. Fatto assolutamente rilevante, di cui l’anniversario fu proprio poco tempo fa, intorno ai primi giorni di giugno, é la sua ascesa al trono. Parleremo infatti di Luigi XIV. Egli infatti prese ufficialmente la carica di re di Francia all’età di 5 anni, seguito alla morte del padre, Luigi XIII. Vista la giovane età del re, la Francia visse un periodo di reggenza in cui a prendere le veci di governatore fu la madre di Luigi, Anna d’Austria, sostenuta dal suo fedelissimo primo ministro, ovvero il cardinale Giulio Mazzarino. Durante questo periodo di reggenza si sviluppò un movimento di rivolta contro la stessa Anna d’Austria e il primo ministro da parte del Parlamento, il quale sollecitó le masse al fine di creare una forte minaccia alla corona. Fu tristemente noto con il nome di “Fronda”. Il piccolo Luigi vide con profondo rammarico e umiliazione quanto stava accadendo e decise quindi di fuggire da Parigi insieme alla famiglia. Il fatto rimase nel cuore del re per tutto il corso della sua vita, tanto che arrivò perfino all’odio nei confronti di chi aveva scatenato questa rivolta, ovvero i nobili. L’incarico di istruire il giovane Luigi fu nelle mani del cardinale Mazzarino, che decise di usare un approccio empirico, piuttosto di uno studio fatto esclusivamente sui sussidi. Egli fu quindi portato ad assistere come testimone muto tantissimi Consigli e riunioni dei ministri, affinché lui stesso potesse constatare fin dalla giovane età il futuro che lo aspettava. Nel 1659 fu il cosiddetto anno della “pace dei Pirenei”, che sanciva un rapporto di alleanze di pace tra la Francia e la Spagna. Ciò fu possibile mediante un matrimonio combinato di cui protagonisti erano lo stesso Luigi XIV e l’infanta spagnola Maria Teresa, figlia di Filippo IV. Nel 1660 la giovane coppia fece il suo ingresso trionfale a Parigi. Pochi mesi più tardi, nel 1661, Mazzarino morì e fu allora che Luigi prese finalmente la carica ufficiale e pratica di re di Francia. Il suo regno fu di certo uno dei più longevi. Durò infatti ben 54 anni. Credeva nell’esistenza di un unico vero detentore del potere, che ogni decisione politica spettasse esclusivamente a lui. Per questo ragione il suo fu un governo assolutista, che incentrava nelle sue mani tutta la responsabilità della Francia. Non fu mai nominato un Primo Ministro. Inoltre credeva che il potere sovrano fosse concesso ad una sola persona per Stato da Dio stesso e per questa ragione si considerava “lungotenente di Dio sulla Terra”. Infine a rappresentanza del suo potere direttamente connesso a Dio scelse come simbolo di sé il Sole, per cui tutt’oggi é ricordato, segno del suo splendore e della “luce” che circondava il suo popolo e la sua corte. Con queste parole concludo, vi ricordo di lasciare una stella e di votare per Storyteller’s Eye Word su Net-Parade! Basta cliccare nella barra blu sotto l’articolo o nei banner blu in home page e confermare. È possibile votare un numero illimitato di volte, basta attendere 60 minuti tra una votazione e l’altra. Un abbraccio a tutti!

Annunci

Greetings to all, Dear Readers! In today’s article, as suggested in the title, we will talk about a particularly well-known and important character for the course of European history, in particular that of France.
An absolutely relevant fact, whose anniversary was just a short time ago, around the first days of June, is his accession to the throne.
We will in fact speak of Louis XIV. In fact, he officially took the office of King of France at the age of 5, following the death of his father, Louis XIII. Given the young age of the king, France experienced a period of regency in which to take the place of governor was the mother of Louis, Anna of Austria, supported by his loyal prime minister, or cardinal Giulio Mazarin.
During this period of regency a revolt movement developed against Anna of Austria herself and the prime minister by the Parliament, which urged the masses in order to create a strong threat to the crown. He was sadly known with the name of “Fronda”. Little Luigi saw with deep regret and humiliation what was happening and therefore decided to flee Paris with his family. The fact remained in the heart of the king for the whole course of his life, so much so that he even came to hatred towards those who had triggered this revolt, or the nobles. The task of educating the young Luigi was in the hands of Cardinal Mazarin, who decided to use an empirical approach, rather than a study done exclusively on aids. He was then led to attend as a mute witness many Councils and meetings of ministers, so that he himself could see from an early age the future that awaited him. In 1659 it was the so-called year of the “Peace of the Pyrenees”, which sanctioned a relationship of peace alliances between France and Spain. This was possible through an arranged marriage of which the protagonists were Louis XIV himself and the Spanish infanta Maria Teresa, daughter of Philip IV.
In 1660 the young couple made their triumphal entry into Paris. A few months later, in 1661, Mazarin died and it was then that Louis finally took the official and practical office of King of France. His reign was certainly one of the longest-lived. In fact, he lasted 54 years. He believed in the existence of one true holder of power, that every political decision rested solely with him. For this reason his was an absolutist government, which centered all the responsibility of France in his hands. He was never appointed a Prime Minister. Furthermore, he believed that sovereign power was granted to only one person per state by God himself and for this reason he considered himself “God’s lieutenant on Earth”. Finally, to represent his power directly connected to God, he chose the Sun as a symbol of himself, for which he is still remembered today, a sign of his splendor and of the “light” that surrounded his people and his court. With these words I conclude, I remind you to leave a star and vote for Storyteller’s Eye Word on Net-Parade!
Just click in the blue bar below the article or in the blue banners on the home page and confirm. You can vote an unlimited number of times, just wait 60 minutes between one vote and the next. Hugs to all!

Sempre Vostra, Storyteller.

Always Yours, Storyteller.

siti

Categorie:VIAGGI

Tagged as: , , , ,

10 replies

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...