EMPATIA: STORIA DE ” IL PICCOLO PRINCIPE “. (22 aprile 2021)

Annunci

Un Saluto a tutti, Cari Lettori! Con largo anticipo rispetto al giorno effettivo di pubblicazione mi accingo a parlare di un contenuto a me caro, in una rubrica altrettanto cara. Si tratta, come facilmente deducibile dal titolo, del famoso libro dell’autore Antoine de Saint-Exupéry, ovvero “Il Piccolo Principe”. Antoine era originario di Lione, crebbe in una famiglia dalle origini nobili. La madre era pittrice. La felicità che egli nutriva durante l’infanzia grazie all’ambiente vivace e gioioso, si spense in seguito all’incombere della Prima Guerra mondiale. Fu allora che visse il primo forte dolore, in primis verso la madre, costretta a rivestire il ruolo di infermiera, e successivamente con la morte prematura del fratello. Poco più che adolescente si arruola presso l’Aviazione Francese e proprio in quel contesto comincia a riflettere sul peso che sente riguardo la perdita dell’affetto e dell’amore delle persone a sé più care. È in quel contesto che nacque l’idea di fare stesura di un primo racconto popolare; autobiografia e invenzione si fondono ed danno origine alla prima bozza de “Il Piccolo Principe “. E la storia di un aviatore che arriva sulla Terra nel bel mezzo del deserto del Sahara e proprio allora conosce una creatura davvero bizzarra. Si tratta di un piccolissimo ragazzo con i capelli dorati e con le vesti di un principe. Quest’ultimo racconta di essere giunto lì grazie l’asteroide B612, nel quale ha sempre vissuto in compagnia di una rosa alquanto vanitosa, di cui si prende costantemente cura. Azione principale della sua vita e la ricerca di nuovi amici, principalmente nello spazio, ma ciò porta più a sconfitte e disavventure. La storia stessa a come punto cardine la descrizione delle sue avventure nello spazio. L’opera fu scritta nella città di Long Island e illustrato per mano dello stesso autore. Venne dunque pubblicato il 6 aprile del 1943 in una prima versione inglese grazie a sostegno alla cura dell’editore Reynold and Hichcock, successivamente seguì un’edizione in francese dal quale venne ricavata la versione italiana, edita da Bompiani. Antoine de Saint-Exupéry dedicò l’edizione originale a Leon Werth, ebreo francese amico dell’autore da molti anni alla pubblicazione del libro. Sfortunatamente non poté mai godersi il successo della sua opera, tanto che l’anno successivo si ritrovò battuto da un caccia tedesco. Di Saint -Exupéry si perse ogni traccia, fino al 2004, quando i resti dell’aereo furono finalmente ritrovati, chiarendo le circostanze della morte. Ormai l’opera spopolava sempre più di generazione in generazione, diventando uno dei libri più apprezzati da bambini e ragazzi, e dalle stesse scuole. Fu tradotto in 220 lingue e furono vendute oltre 140 milioni di copie, ispirando nel tempo storia fumetti, cartoni animati e opere teatrali. Tutt’ora mantiene il record del libro con più copie vendute al mondo arrivando a sfiorare i 2 milioni di copie soltanto in Italia.Con queste parole concludo, vi ricordo di lasciare una stellina, un commento e di votare per Storyteller’s Eye Word su Net-Parade! Basta cliccare nella barra blu sotto l’articolo o nei banner blu in home e confermare. E’ possibile votare un numero illimitato di volte, basterà attendere 60 minuti tra un voto e quello successivo. Un abbraccio a tutti!

Annunci

Greetings to all, Dear Readers! Well in advance of the actual day of publication I am going to talk about a content dear to me, in an equally expensive column.
It is, as can be easily deduced from the title, the famous book by the author Antoine de Saint-Exupéry, or “The Little Prince”. Antoine was originally from Lyon, he grew up in a family of noble origins. His mother was a painter.
The happiness that he had during his childhood thanks to the lively and joyful environment, died out following the onset of the First World War.VIt was then that he experienced his first severe pain, first of all towards her mother, forced to take on the role of nurse, and subsequently with the premature death of her brother.Little more than a teenager he enlisted at the French Air Force and in that context he began to reflect on the weight he feels about the loss of the affection and love of the people closest to him.
It was in that context that the idea of writing a first folk tale was born;autobiography and invention merge and give rise to the first draft of “The Little Prince”. It is the story of an aviator who arrives on Earth in the middle of the Sahara desert and right then he meets a truly bizarre creature.
It is a very small boy with golden hair and in the clothes of a prince.
The latter tells of having arrived there thanks to the asteroid B612, in which he has always lived in the company of a rather vain rose, of which he constantly takes care.Main action of his life and the search for new friends, mainly in space, but that leads more to setbacks and misadventures.
The story itself has as its pivotal point the description of his adventures in space.
The work was written in the city of Long Island and illustrated by the hand of the same author. It was therefore published on April 6, 1943 in a first English version thanks to the support of the editor Reynold and Hichcock, subsequently followed by an edition in French from which the Italian version was obtained, published by Bompiani. Antoine de Saint-Exupéry dedicated the original edition to Leon Werth, a French Jew who had been a friend of the author for many years to publish the book. Unfortunately, he could never enjoy the success of his work, so much so that the following year he found himself beaten by a German fighter. All traces of Saint-Exupéry were lost until 2004, when the remains of the plane were finally found, clarifying the circumstances of his death. By now the work was becoming more and more popular from generation to generation, becoming one of the most popular books by children and young people, and by the schools themselves.
It was translated into 220 languages and over 140 million copies were sold, inspiring the history of comics, cartoons and plays over time. It still holds the record for the book with the most copies sold in the world, reaching almost 2 million copies in Italy alone.
Parade!
Just click in the blue bar under the article or in the blue banners on the home page and confirm. It is possible to vote an unlimited number of times,just wait 60 minutes between one vote and the next.
Hugs to all!

Sempre Vostra, Storyteller.


Always Yours, Storyteller.

classifica

Categorie:EMPATIA

Tagged as: , ,

3 replies

  1. Non ti puoi rendere conto che dramma quando, nel 2015, il testo (fino ad allora proprietà esclusiva di Valentino Bompiani, che trasmetteva sempre la stessa traduzione italiana fatta da sua moglie Nini Bompiani Bregoli nel 1949: nel 1992, morto Valentino, i diritti mirarono verso agli eredi, gestori della casa editrice, che però passò di proprietà a Rizzoli pur mantenendo il marchio) divenne di dominio pubblico, con una fantastica invasione di nuove traduzioni, nuove introduzioni, nuove edizioni…
    Faticai tantissimo per non esagerare nel comprare tutte le nuove edizioni che vedevo!
    Sono riuscito a limitare gli acquisti a soltanto due nuove traduzioni, quella di Roberto Piumini (Siena, Burney) e quella di Yasmina Mélaouah (Milano, Feltrinelli)…

    Oggi le cose sono identiche con Cesare Pavese e George Orwell… andare in libreria e trovare centinaia di nuove edizioni della Luna e i Falò, e nuove traduzioni di 1984 o della Fattoria degli Animali, mi fa vacillare!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...