DIARIO DI LIBERO PENSIERO: COSA MI MANCA DAVVERO. (16 aprile 2021)

Annunci

Un saluto a tutti, Cari lettori! Oggi, come avrete dedotto dal titolo, voglio parlare di cosa mi manca davvero. Sì, perché a tutti questa quarantena, s’è fatta come è giusto che sia, da spazio a riflessioni e a nuovi spunti di pensiero. In primis mi rendo conto sempre di più di come, nonostante anche prima restavo spesso a casa, i piccoli momenti di svago e le uscite non più praticabili con coscienza diventano un lieve disagio che si fa sentire. Inoltre, inutile dirlo, la quarantena fa venire sonno. Ogni giorno mi sveglio con un alone di stanchezza che difficilmente si dissolve nel corso della giornata. È come se il mio corpo si rendesse conto di come tutto scorre monotono e uguale a se stesso. La monotonia ti assale senza logiche e senza pietà. Eppure se vogliamo effettivamente distruggere questo brutto virus dobbiamo stare a casa, non c’è nulla da fare. Spero solo che questo mio sacrificio si rispecchi in altri compiuti da altrettante persone, affinché il prima possibile si possa tornare alla normalità. Devo ammettere che il primo lockdown non era affatto negativo per me, anzi. L’ho vissuto come il momento che difficilmente, nella realtà quotidiana, mi sarei potuta concedere. Nonostante il blog continuava il suo ciclo di pubblicazioni, tutto il resto si era fermato e ciò mi concedeva grandi momenti di relax. Ora la stanchezza si presenta in maniera totalmente opposta. La mancanza di quotidianità, delle attività che ero solita fare, pesano incredibilmente. Per questa ragione mi servo di questo breve post per ricordarvi di continuare questa fatica insieme, stare il più possibile a casa, portare sempre indossata una o più mascherina/e ( io indosso sempre quella chilurgica e una decorativa sopra, per essere maggiormente sicura e protetta) e mantenere le distanze di sicurezza, senza indugiare in raduni tra amici e parenti in maniera clandestina e illegale. Solo così possiamo essere davvero certi che si potrà presto tornare alla quotidianità che tanto desideriamo.Con queste parole concludo, vi ricordo di lasciare una stellina, un commento e di votare per Storyteller’s Eye Word su Net-Parade! Basta cliccare nella barra blu sotto l’articolo o nei banner blu in home e confermare. E’ possibile votare un numero illimitato di volte, basterà attendere 60 minuti tra un voto e quello successivo. Un abbraccio a tutti!

Annunci

Greetings to all, Dear readers! Today, as you may have deduced from the title, I want to talk about what I really miss. Yes, because this quarantine to everyone has been done as it should be, giving space to reflections and new ideas for thought.
First of all, I realize more and more how, even before I often stayed at home, the little moments of leisure and the outings that are no longer practicable with conscience become a slight discomfort that makes itself felt. Also, needless to say, quarantine makes you sleepy.
Every day I wake up with an aura of fatigue that hardly dissolves over the course of the day. It is as if my body realizes how everything flows monotonous and equal to itself. Monotony assails you without logic and without mercy. Yet if we want to actually destroy this nasty virus we have to stay at home, there is nothing we can do. I just hope that my sacrifice is reflected in others made by as many people, so that as soon as possible we can return to normal.
I must admit that the first lockdown was not bad for me at all, quite the contrary.
I lived it as the moment that, in everyday reality, I could hardly have granted myself.
Although the blog continued its cycle of publications, everything else had stopped and this allowed me great moments of relaxation.
Now fatigue presents itself in a totally opposite way.
The lack of everyday life, of the activities that I used to do, weigh heavily. For this reason I use this short post to remind you to continue this effort together, stay at home as much as possible, always wear one or more mask (s) (I always wear the surgical one and a decorative one on top, to be safer and more protected) and keep a safe distance, without indulging in clandestine and illegal gatherings between friends and relatives. Only in this way can we be truly certain that we will soon be able to return to the everyday life we so desire. With these words I conclude, I remind you to leave a star, a comment and to vote for Storyteller’s Eye Word on Net-Parade! Just click in the blue bar under the article or in the blue banners on the home page and confirm.
It is possible to vote an unlimited number of times, just wait 60 minutes between one vote and the next. Hugs to all!

Sempre Vostra, Storyteller.


Always Yours, Storyteller.

sito

2 pensieri riguardo “DIARIO DI LIBERO PENSIERO: COSA MI MANCA DAVVERO. (16 aprile 2021)

  1. Ciao Eleonora condivido pienamente i tuoi disagi, anche a me sta capitando la stessa cosa, mi mancano i miei piccoli svaghi, la mia libertà di scegliere se andare o stare… E soprattutto mi manca la spensieratezza che avevo, la gioia che provavo andando a pranzo fuori solo per hè staccavo la spina dal cucinare, dal pensare a cosa fare per il pranzo o cena. Condivido anche le tue raccomandazioni. Sperando in un futuro migliore per tutti noi ti auguro un buon week end.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...