DIARIO DI LIBERO PENSIERO: IL CAMBIAMENTO. (20 marzo 2021)

Annunci

Un Saluto a tutti, Cari Lettori! Ci tenevo a chiudere in settimana questo programma settimanale per dedicare completamente la prossima settimana allo speciale di Storyteller’s Eye Word per il raggiungimento dei 600 iscritti, un gioia davvero importante per me. Detto ciò oggi voglio parlare tra le mie pagine di DIARIO di cambiamento. La trovo una parola stupenda e ricca di fascino. Ognuno di noi, nel corso delle varie fasi della vita affronta il cambiamento, con diverse sfumature di senso. Ci sono aspetti infatti per cui cambiare é pari ad affrontare sfide, accettarle a testa alta, altre in cui il tempo e le nostre esigenze lo impongono. Ci sono poi altre circostanze che non vedranno mai cambiamento e ciò non per testardaggine o per pigrizia, ma semplicemente perché sono parti di noi, della nostra identità. Tra le cose che non cambiano mai c’è il carattere, quello é parte di noi, é genetica. La parte che invece é piú soggetta a cambiamento sono le abitudini, molte variabili le cambiano in base alle necessità del momento che stiamo vivendo. Cambiano inoltre, molto spesso almeno, gusti e preferenze, le priorità, il modo di percepire il mondo intorno a noi. Personalmente il cambiamento maggiore che ho notato in me, su numerosi aspetti che costituiscono la mia quotidianità, é in seguito al compimento dei vent’anni d’età. Ho sentito un taglio netto con il mio passato, un differente modo di interpretare ed affrontare le sfide della vita. Non é una questione di maturità come pensano molti, é una questione di consapevolezza. Il tuo modo di pensare o di essere in questi casi c’entra poco. Protagoniste sono sempre le esperienze che viviamo e che ci segnano particolarmente e non è detto che ti portano subito ad un cambiamento, prima devi essere consapevole di quanto é successo. Il mio trauma in particolare é iniziato anni prima del mio effettivo cambiamento interiore, circa cinque anni prima. Spesso nel futuro prossimo non realizzi o peggio non accetti, poi prendi atto di quanto accaduto e attui un cambiamento, con te stessa/o e per te stessa/o. E voi? Quali cambiamenti importanti avete vissuto, per necessità o per propria volontà che sia? Se avete piacere di condividere la vostra esperienza lasciate un commento a questo articolo. Con queste parole concludo, vi ricordo di lasciare una stellina, un commento e di votare per Storyteller’s Eye Word su Net-Parade! Basta cliccare nella barra blu sotto l’articolo o nei banner blu in home e confermare. E’ possibile votare un numero illimitato di volte, basterà attendere 60 minuti tra un voto e quello successivo. Un abbraccio a tutti!

Annunci

Greetings to all, Dear Readers! I wanted to close this weekly program this week to fully dedicate next week to the Storyteller’s Eye Word special to reach the 600 subscribers, a joy really important to me. Having said that today I want to talk in my pages of DIARY of Change. I find it a wonderful word full of charm. Each of us, over the various stages of life, faces change, with different nuances of meaning. In fact, there are aspects where changing is equal to facing challenges, accepting them with our heads held high, others in which time and our needs dictate it. Then there are other circumstances that will never see change, not out of stubbornness or laziness, but simply because they are parts of us, of our identity. Among the things that never change is character, that’s part of us, it’s genetic. The part that is most subject to change are habits, many variables change them according to the needs of the moment we are experiencing. They also change, very often at least, tastes and preferences, priorities, the way of perceiving the world around us. Personally, the greatest change I have noticed in myself, on many aspects that make up my daily life, is following the age of twenty. I felt a clear cut with my past, a different way of interpreting and facing the challenges of life. It’s not a matter of maturity as many people think, it’s a matter of awareness. The way you think or be in these cases has little to do with it. The protagonists are always the experiences that we live and that mark us particularly and it is not said that they immediately lead you to a change, first you have to be aware of what happened. My trauma in particular began years before my actual inner change, about five years earlier. Often in the near future you don’t realize or worse you don’t accept, then you take note of what happened and implement a change, with yourself and for yourself. And you? What important changes have you experienced, out of necessity or by one’s own will? If you are pleased to share your experience leave a comment to this article. With these words I conclude, I remind you to leave a starlet, a comment and vote for Storyteller’s Eye Word on Net-Parade! Just click in the blue bar below the article or in the blue banners at home and confirm. It is possible to vote an unlimited number of times, just wait 60 minutes between votes. A hug to everyone!

Sempre Vostra, Storyteller.

Always Yours, Storyteller.

web

2 replies

  1. Hi😀e.z.
    It’s good thought and sharing by the way our (same) topic slightly related😊It’s okay..May be or
    You may not have received the message. So re-sending message to you. Again. OKay…
    Happy Women’s Days (month of)

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...