DIARIO DI LIBERO PENSIERO: I SOGNI. (15 marzo 2021)

Annunci

Un Saluto a tutti, Cari Lettori! Recupero oggi il consueto appuntamento con il DIARIO, un momento per me di grande relax e semplicità, dove i pensieri scorrono consapevoli che questa é una famiglia e la condivisione di pensieri é libera. A proposito commentate liberamente, basta seguire la regola del rispetto e potete esprimere il vostro parare, anche contrario al mio ovviamente. Controllo in questi giorni se ho lasciato qualche commento in sospeso, finito accidentalmente in spam. Detto ciò oggi, in questo ultimo articolo della giornata, perché da domani inizierò con voi un nuovo programma, parlerò di sogni. In particolare voglio affrontare la questione in base alle curiosità medico- scientifiche che ho trovato sul web e porre un confronto di natura riflessiva considerando la mia personale esperienza, qualora fosse possibile. La prima curiosità che ha attirato la mia attenzione è che i ciechi sognano dalla nascita differenti tipi di immagini. Ciò significa che sognare non è un’attività legata alla propria esperienza visiva o comunque diurna, al contrario il sogno é un riflesso incondizionato di ciò he già risiede nella mente grazie al comune processo immaginifico. Tutto ciò che percepiamo, qualsiasi sia il senso impiegato, viene costantemente ricostruito con l’ausilio delle esperienze passate. Per la stessa ragione é quasi impossibile percepire grazie alla mente un profumo o un odore, perché si tratta di una parte difficilmente modificabile dai nostri processi cognitivi. Devo ammettere che ciò mi fa riflettere. I miei sogni sono sempre qualcosa che sembra poco conforme al mio reale, lavoro molto di fantasia. È come se tutte le mi idee piú strane prendessero forma nel sogno. Anche qui la mia ricerca del rifugio, di un luogo sicuro da cui evadere dalla realtà, é palese. Un altro aspetto fondamentale è che le parti inconsapevoli della nostra personalità non sono semplici cumuli di desideri non riconosciuti, ma sono primariamente routine di azioni automatiche e non sentimenti rimossi. In altre parole, contrariamente a quanto é comunemente immaginato, i sogni non rappresentano desideri che non vogliamo accettare, bensì schemi mentali che col passare del tempo sono stati resi automatici. Personalmente, non saprei dire se sogno qualcosa che riguarda il campo degli schemi automatizzati, perché quasi sempre non sono sogni basati sul reale e sul verosimile, ma piuttosto riguardano l’immaginifico e in certi termini il fantasy. In questo caso dovrei confrontarmi con un esperto per approfondire su di me questa affermazione. Ho approfondito dunque la mia conoscenza dello strumento che costruisce i sogni, il cervello, come organo che, mentre dormiamo, percorre vie e azioni differenti rispetto a quelle del giorno: pertanto per comprendere il percorso di un sogno è necessario utilizzare metodi interpretativi diversi da quelli che usati abitualmente per capire qualcosa di giorno. Ebbene da questo punto di vista posso esprimere con relativa semplicità che l’affermazione é per mia esperienza vera. I miei sogni sono quasi sempre lucidi e chiari, ma di difficile interpretazione in base al comune e logico modo di pensare. Probabilmente anche in questo caso alcune variabili empiriche portano questo risultato. Infine, ultimo aspetto curioso che voglio riportare, visto anche le mie esperienze pregresse, é il seguente: il cervello reagisce nel sonno agli stimoli emozionali che deve elaborare, per cui i sogni possono essere considerati come delle sedute terapeutiche; in quanto terapia naturale i sogni ci aiutano a elaborare le esperienze dolorose, aiutandoci a capire meglio la nostra vita interiore. Tutti nel corso della vita viviamo traumi piú meno importanti. Il pensiero diventa ricorrente in questi casi, a tal punto da attaccare i nostri sogni. Personalmente, anche se in principio l’ho vissuto come un incubo in tutti i sensi, rivedere con regolarità ciò che mi faceva star male nei sogni mi ha fatto accettare il trauma subito e in questo senso il sogno é risultato terapeutico. Con queste parole concludo, vi ricordo di lasciare una stellina, un commento e di votare per Storyteller’s Eye Word su Net-Parade! Basta cliccare nella barra blu sotto l’articolo o nei banner blu in home e confermare. E’ possibile votare un numero illimitato di volte, basterà attendere 60 minuti tra un voto e quello successivo. Un abbraccio a tutti!

Annunci

Greetings to all, Dear Readers! Today I recover the usual appointment with the DIARY, a moment for me of great relaxation and simplicity, where thoughts flow aware that this is a family and the sharing of thoughts is free. By the way, comment freely, just follow the rule of respect and you can express your parry, even contrary to mine of course. I check these days if I left any comments pending, accidentally ended up in spam. Having said that today, in this last article of the day, because from tomorrow I will start a new program with you, I will talk about dreams. In particular, I want to address the issue based on the medical and scientific curiosities That I found on the web and make a reflective comparison considering my personal experience, if possible. The first curiosity that caught my attention is that the blind dream from birth different types of images. This means that dreaming is not an activity linked to one’s own visual or otherwise daytime experience, on the contrary the dream is an unconditional reflection of what already resides in the mind thanks to the common i imagined process. Everything we perceive, whatever the sense employed, is constantly reconstructed with the help of past experiences. For the same reason it is almost impossible to perceive a perfume or smell thanks to the mind, because it is a part that is difficult to modify by our cognitive processes. I must admit that this makes me think. My dreams are always something that seems not conforming to my real, very fancy work. It’s like all the weirdest ideas take shape in the dream. Here, too, my search for refuge, a safe place from which to escape from reality, is evident. Another fundamental aspect is that the unconscious parts of our personality are not simple heaps of unrecognized desires, but are primarily routines of automatic actions and not removed feelings. In other words, contrary to what is commonly imagined, dreams do not represent desires that we do not want to accept, but mental patterns that over time have been made automatic. Personally, I can’t tell if I dream of something that concerns the field of automated schemes, because almost always they are not dreams based on the real and the probable, but rather concern the i imagined and in some terms fantasy. In this case I would have to confront an expert to deepen this statement on me. I have therefore deepened my knowledge of the tool that builds dreams, the brain, as an organ that, while we sleep, follows different paths and actions than those of the day: therefore to understand the path of a dream it is necessary to use interpretative methods different from those that are usually used to understand something during the day. From this point of view, I can express with relative simplicity that the statement is in my own experience. My dreams are almost always lucid and clear, but difficult to interpret according to the common and logical way of thinking. Probably again some empirical variables bring this result. Finally, the last curious aspect that I want to report, also given my previous experiences, is the following: the brain reacts in sleep to the emotional stimuli that it must elaborate, so dreams can be considered as therapeutic sessions; as a natural therapy dreams help us to process painful experiences, helping us to better understand our inner life. Everyone in our lifetimes experiences more important traumas. Thought becomes recurrent in these cases, to such an extent that it attacks our dreams. Personally, although in the beginning I experienced it as a nightmare in every sense, regularly reviewing what made me sick in dreams made me accept the trauma suffered and in this sense the dream was therapeutic. With these words I conclude, I remind you to leave a starlet, a comment and vote for Storyteller’s Eye Word on Net-Parade! Just click in the blue bar below the article or in the blue banners at home and confirm. It is possible to vote an unlimited number of times, just wait 60 minutes between votes. A hug to everyone!

Sempre Vostra, Storyteller.

Always Yours, Storyteller.

classifiche

3 pensieri su “DIARIO DI LIBERO PENSIERO: I SOGNI. (15 marzo 2021)”

  1. Quite comprehensive and interesting overview of the dream state of mind! I also believe our soul at times is more at the surface or more obviously and apparently at work in the inner workings of mind, consciousness and abstract or the unknown. As an example I actually have had precognition occur while sleeping, and the vision or dream I had, later in the day played out at a particular locale as it was presented in the dream; in that case meeting a person on a beach I never knew or had any knowledge of her previously, but it was exactly as in the dream state which turned out to be a glimpse into the future; my own future that day.

    Another time a much more provocative dream occurred where I visited a family member who was thousands of miles away and in trouble being very depressed and as I interpret all of this it was I who had to reach out to him in the dream state to bridge that gap between our souls through time and space to show my support, because he would listen to me like nobody else, and would not give up hope! As I was talking to him he told me he “didn’t think it was all going to be ending up this way” and what he needed that moment from me was; what he later professed on the telephone and in person many weeks later to remember; my visiting him, and telling him don’t give up no matter what, don’t quit, we have to keep trying and this situation will all come out right eventually, you’ll see, just don’t give up! He said, OK!

    It did work out fine after a while; I even traveled to his location and stayed there for many weeks when we had many conversations and fellowship.
    Ciao.
    Lorenzo

    Piace a 1 persona

  2. La mente è strumento creativo autonomo, tal che i creativi in tutti i campi, basta ricordare Albert Einstein che, quando i fisici alla fine dell’800 credevano questa scienza totalmente sviscerata tranne pochissime quisquilie, autonomamente, facendo 2+2 mentale con quelle poche quisquilie non risolte, vide ciò che nessun altro aveva visto e ci vollero anni perché fosse, la sua visione geniale, accettata da tutti: pertanto è certo che la mente possiede i suoi occhi, nettamente distinti da quelli fisiologici, e i ciechi dalla nascita hanno certamente le loro visioni creative.

    Anni fa lessi un saggio di autore francese impegnato nella ricerca per capire cosa distingue un cervello geniale da uno comune, ricerca, che allora, non scoprì differenze alcune, Tra le altre cose l’autore disse che il cervello, per quanto riguarda il mondo tangibile con tutti i 5 sensi percepito, ha 2 tempi di immagazzinamento:

    il primo avviene temporaneamente in una zona tampone del cervello per immagazzinare velocemente tutto il percepito, sia coscientemente che no dal soggetto, e questo avviene durante le ore di attività dello stesso;

    il secondo avviene nelle ore di sonno trasferendo dalla memoria tampone ciascun percepito alle specifiche aree di immagazzinamento definitive.

    Questo processo, diceva l’autore, non può essere rimandato a lungo termine, pena gravissime cadute a stress mentale e affaticamento organico: è per questo motivo che gli stacanovisti sul lavoro finiscono per ridursi come stracci maceri.

    Anzi, a questo proposito, citò Winston Churchill per essere stato uno stacanovista instancabile per tutti gli anni della seconda guerra mondiale senza mai ridursi uno straccio macero: pare che il Sir possedeva una propria efficace tecnica di rilassamento mentale che praticava addormentandosi per non più di un’ora in poltrona nel suo ufficio di primo ministro; al risveglio era perfettamente rilassato e rinvigorito per tenere testa agli avvenimenti che in quel tempo incalzavano ad ogni attimo senza dare soste.

    Piace a 1 persona

Rispondi a lyth karu Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...