LIBERO PENSIERO EXTRA: CITANDO LILIANA SEGRE. (29 gennaio)

Annunci

Un Saluto a tutti, Cari Lettori. Ho voluto concludere queste giornate dedicate alla Memoria con una frase, per mio modesto parere particolarmente significativa, pronunciata dalla senatrice e sopravvissuta alla tragedia della Shoah Liliana Segre. Tante sono le sue testimonianze, tutte ugualmente degne di nota, ma una ha attirato più di altre la mia attenzione e si articola nel modo seguente:

“L’indifferenza è più colpevole della violenza stessa. È l’apatia morale di chi si volta dall’altra parte: succede anche oggi verso il razzismo e altri orrori del mondo. La memoria vale proprio come vaccino contro l’indifferenza.”

Se il razzismo è il male fisico di cui l’uomo ne è contemporaneamente vittima e carnefice, l’indifferenza è il male psicologico, la matrice, la causa prima che alimenta il male. Proprio in questo periodo, durante la sua ultima testimonianza ha definito la memoria il vaccino contro l’indifferenza. Somministrato con costanza con le testimonianza, la parola scritta e i filmati audiovisivi, anche i posteri,chi per loro fortuna non ha vissuto drammi simili, prende coscienza del dolore che l’uomo ha subito e ricorda affinché il danno non possa essere replicato. Purtroppo il razzismo é stato debellato più a parole che con i fatti, moltissimi episodi di discriminazione, se non tramite la guerra, si verificano quotidianamente. Parole come quelle di Liliana Segre e di tanti altri, contrari alla sofferenza della discriminazione, si battono con costanza nelle società di tutto il mondo. Per questa ragione, nel mio piccolo, comunico lo stesso messaggio. Io non dimentico, credo nell’uguaglianza sociale di ogni essere umano, che ogni uomo abbia diritto alla vita e ai bisogni essenziali e soprattutto ad essere felice. A volte basta poco. Ringrazio chiunque abbia seguito l’iniziativa fino a qui, chi ha lasciato un proprio commento sotto gli articoli e a chi ha deciso di non dimenticare. Se siete interessati alle attività di Storyteller’s Eye Word vi ricordo di iscrivervi sul blog (www.storytellereyewords.com) e su Instagram (storytellerseyeword). Se vi piace questa iniziativa e avete apprezzato l’articolo lasciate una stellina. Un abbraccio a tutti. Grazie a tutti.

Greetings to all, Dear Readers. I wanted to end these days dedicated to Memory with a phrase, in my humble opinion particularly significant, uttered by the senator and survivor of the tragedy of the Shoah Liliana Segre. There are many testimonies, all equally noteworthy, but one has attracted my attention more than others and is articulated as follows:

“Indifference is more culpable than violence itself. It is the moral apathy of those who turn the other way: it still happens today towards racism and other horrors of the world. Memory applies just like a vaccine against indifference.”

If racism is the physical evil to which man is simultaneously the victim and executioner, indifference is psychological evil, matrix, the cause before it feeds evil. Precisely in this period, during his last testimony he called memory the vaccine against indifference. Administered consistently with testimony, the written word and audiovisual films, even posterity, those who fortunately have not experienced similar dramas, become aware of the pain that man has suffered and remember so that the damage cannot be replicated. Unfortunately, racism has been eradicated more in words than in deeds, a great many episodes of discrimination, if not through war, occur on a daily basis. Words such as those of Liliana Segre and many others, opposed to the suffering of discrimination, are constantly fighting in societies all over the world. For this reason, in my small way, I communicate the same message. I do not forget, I believe in the social equality of every human being, that every man has the right to life and essential needs and above all to be happy. Sometimes it’s not enough. I would like to thank everyone who has followed the initiative so far, who has left their comment under the articles and to those who have decided not to forget. If you are interested in Storyteller’s Eye Word activities I remind you to subscribe to the blog (www.storytellereyewords.com) and Instagram (storytellerseyeword). If you like this initiative and have appreciated the articles leave a starlet. A hug to everyone. Thank you all.

Sempre vostra, Storyteller.

Always Yours, Storyteller.

classifica
Annunci
Annunci

6 pensieri riguardo “LIBERO PENSIERO EXTRA: CITANDO LILIANA SEGRE. (29 gennaio)

  1. Racism is born in an unloved soul, brain or a being. They seek refuge in superiority complex in a hope they will at least attract some attraction even though its bad. That’s a terrible waste of human intellect.

    Piace a 1 persona

  2. L’ha ripubblicato su Notese ha commentato:
    Racism is born in an unloved soul, brain or a being. They seek refuge in superiority complex in a hope they will at least attract some attraction even though its bad. That’s a terrible waste of human intellect.

    Piace a 1 persona

  3. Having rеad this I believed it was really еnlightening.
    I appreciate you ѕpending some time and effօrt to put this article together.
    I once again fіnd myseⅼf spending a significant amount of time both reading and commenting.
    But so what, іt was still worth it!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...