LIBERO PENSIERO EXTRA: RIFLETTERE CON LE PAROLE SCRITTE.(27 gennaio)

Annunci

Un Saluto a tutti, Cari Lettori. Nel precedente articolo le mie riflessioni scorrevano liberamente, nutrite dal mio intimo sentire, in base semplicemente a quelle che sono le mie idee maturate nel tempo. Ora per ricordare con voi la Giornata Mondiale della Memoria e le vittime della Shoah mi servo di citazioni scritte da due intellettuali, accomunati dalla stesura di opere significative per il nostro patrimonio culturale e testimonianze dirette di chi ha vissuto in quel periodo. Il primo é ovviamente Primo Levi. Egli, in seguito alla sua permanenza forzata ad Auschwitz, si sente tradito dalla religione e dalla stesse fede che ha dato per Dio stesso. Sente un senso di confusione, di smarrimento. Afferma che é impossibile l’esistenza di un ente divino capace di creare ed accettare un ambiente simile. Con questa domanda egli rimane sconvolto dal dilemma. Altro grande scrittore e portavoce della Seconda Guerra Mondiale é Mario Rigoni Stern. Egli, con grande umiltà e rispetto riporta le parole dello stesso Levi, definendole testimonianza per i posteri. Esortano quindi alla Memoria, perché ciò che rimane impresso in essa non si ripete. Ancora un volta parole dense di significato, seppur non abbiano alcune particolare complessità. Ci parla apertamente, senza fronzoli, con le parole che uno dei maggiori portavoce della tragedia ha voluto consigliare. Prima di concludere vi ricordo l’iniziativa #ionondimentico. E’ rivolta a tutti, indistintamente. Riflettere, fare eco nella nostra mente del dolore e del sacrificio vissuto dalle vittime della Shoah durante la Seconda Guerra Mondiale é un aiuto concreto oggi a placare quanto piú possibile la piaga della discriminazione razziale. Se volete partecipare, qui o su Instagram commentate l’articolo con #ionondimentico accompagnato qualora vogliate da un vostro pensiero. Sarò felice di leggere e rispondere. Con queste parole concludo, se siete interessati alle attività di Storyteller’s Eye Word vi ricordo di iscrivervi sul blog (www.storytellereyewords.com) e su Instagram (storytellerseyeword). Se vi piace questa iniziativa e siete d’accordo con la mia riflessione lasciate una stellina. Un abbraccio a tutti.

Greetings to all, Dear Readers. In the previous article my reflections flowed freely, nourished by my intimate feeling, based simply on what are my ideas matured over time. Now to remember with you the World Day of Remembrance and the victims of the Holocaust I use quotations written by two intellectuals, united by the writing of works significant for our cultural heritage and direct testimonies of those who lived in that period. The first is obviously Primo Levi. He, following his forced stay at Auschwitz, feels betrayed by religion and by the same faith he has given for God himself. He feels a sense of confusion, of bewilderment. It states that it is impossible to have a divine body capable of creating and accepting such an environment. With this question he is shocked by the dilemma. Another great writer and spokesman of the Second World War is Mario Rigoni Stern. He, with great humility and respect, reports levi’s own words, calling them witness to posterity. They therefore urge memory, because what remains etched in it does not repeat itself. Once again words full of meaning, although they do not have some particular complexity. He speaks to us openly, no frills, in the words that one of the leading spokesmen for the tragedy wanted to advise. Before I finish, I would like to remind you of the #ionondimentico. It is aimed at everyone, indiscriminately. Reflecting, echoing in our minds the pain and sacrifice experienced by the victims of the Holocaust during the Second World War is a concrete aid today to appease as much as possible the scourge of racial discrimination. If you want to participate, here or on Instagram comment on the article with #ionondimentico accompanied if you want by your own thought. I will be happy to read and respond. With these words I conclude, if you are interested in storyteller’s eye word activities I remind you to subscribe to the blog (www.storytellereyewords.com) and Instagram (storytellerseyeword). If you like this initiative and agree with my reflection leave a starlet. A hug to everyone.

classifica
Annunci
Annunci

2 replies

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...