DIARIO DI LIBERO PENSIERO: L’AMORE NON HA LIMITI. (6 novembre 2020)

Annunci

Un saluto a tutti, Cari Lettori! Dopo tanto tempo torno a scrivere per voi una pagina di DIARIO, per condividere emozioni, sensazioni e abitudini quotidiane. Uno degli aspetti più significativi di questa condivisione è soprattutto la lettura. Amo leggere, anche se il tempo che posso dedicare a ciò è scarso e la sera, ormai stanca a fine giornata, mi è difficile concentrarmi e comprendere al meglio le varie stesure dei libri. I momenti in cui letteralmente “divoro” libri è l’estate, mentre sono in vacanza, magari alla mia casa di montagna o perchè no, altrove. Lì le mattine e i pomeriggi scorrono, rimanendo assorta in storie piene di fascino ai miei occhi. Tra quelli che lessi nel corso delle giornate trascorse in montagna ( visto l’emergenza sanitaria mi sono limitata al relax, senza una vera ricerca di mete esotiche), ve n’era uno che fin dalle prime righe trovai molto interessante. Aveva le caratteristiche che mi piacciono: breve e intenso nei suoi contenuti. L’autore è Giuseppe Sgarbi, un uomo, oserei dire, ben diverso dal più ben noto figlio Vittorio e che ormai ultranovantenne e

Copertina di “Lei mi parla ancora” di Giuseppe
Sgarbi.

vedovo, quando la vita ormai sembra averti prosciugato tutto, inizia a scrivere brevi romanzi davvero stupendi. La qualità dei suoi libri è garantita da uno stile unico, semplice, ma allo stesso tempo in grado di costruire messaggi forti, a tratti immaginifici. Il libro di cui voglio parlare è intitolato “Lei mi parla ancora”, un lungo racconto-messaggio destinato alla moglie, da poco venuta a mancare. Non si riecheggia, nonostante il destinatario delle sue parole, un senso di angoscia e sofferenza, al contrario si riferisce a lei come fosse ancora accanto a sè, come se potesse udire le sue parole, dandogli in tal modo conforto e trascorrendo al meglio la vecchiaia. Ricordo che lo lessi con grande interesse, con la voglia di assaporare ogni parola scritta tra le sue pagine. Fa riflettere molto. E’ bello pensare che l’amore non è solo qualcosa di innato, ma ogni esperienza, anche se non ci vede primi protagonisti, ci insegna qualcosa. Credo sia questo l’amore puro, quello che dura oltre la morte, come se quest’ultima ” non ci potesse separare” davvero. Ve ne consiglio la lettura perchè non è un libro complesso o pesante (sono appena 120 pagine o poco più), ma è un viaggio tra i meandri del cuore, le sensazioni provate sono molte. Così vi saluto, vi lascio un’immagine del libro qualora foste interessati alla lettura. Fatemi sapere le vostre considerazioni, se avete avuto modo di leggerlo o semplicemente se vi è piaciuta questa mia pagina di diario. Inoltre da oggi c’è una piccola novità: se apprezzate questo sito cliccate sulla barra blu che trovate qui sotto e votate questo sito, per renderlo sempre più accessibile a tutti coloro che vogliono leggerlo. Vi basterà cliccare la scritta di conferma del voto. Ringrazio chiunque farà per me questo gesto.

Sempre Vostra, Storyteller.

web
Annunci
Annunci


Categorie:DIARIO DI LIBERO PENSIERO

Tag:, , ,

3 replies

  1. Non ho letto , ma il tuo post è molto interessante!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: