LIBERO PENSIERO EXTRA: APRIRE GLI OCCHI (13 luglio 2020)

Annunci

Un saluto a tutti cari Lettori! Per la stesura di questo articolo ho aspettato qualche giorno. Voglio infatti trattare questo delicato argomento con l’aiuto di un testo musicale, che da quando è uscito mi è piaciuto davvero moltissimo. Il cantautore, se così mi è consentito definirlo, o forse in termini ancora più schietti e veritieri, un o”ratore di verità evidenti”, ovvero il rapper Fedez, ha reso pubblica appena tre settimane fa “Bimbi per strada”, nient’altro che la cruda verità di questi giorni estivi post lock down e della mancanza di attenzione nei confronti del rischio da parte dei più giovani. Fedez per me è uno dei pochi cantanti italiani che ascolto, uno dei pochi rapper del panorama italiano che non possa definire “venduto”, che segue alla lettera lo spirito del suo genere, che non vuole rendere pop qualcosa che non lo è, lanciando tormentoni estivi, che parlando di

bellezza, del caldo, di cocktail o altro simile. Il vero rap probabilmente, per quanto possa piacere o meno non è questo. E’ ribellione, libertà, non farsi piegare dal parere pubblico. In questo credo che lui sia molto vicino ai vecchi rapper americani, coloro che hanno esordito durante gli anni’90. Con questo testo, celebrando e omaggiando per altro il grande Robert Miles e il suo pezzo più celebre, “Children”, Fedez parla della realtà odierna. Il lock down, i giorni difficili passati in casa, i giorni infernali di contagi che sembravao infiniti, le persone che hanno perso la vita e i loro cari, è ormai un ricordo e la gente è tornata per strada per blande ragioni, incurante delle conseguenze. In particolare i più ribelli, come d’altro canto plausibile, sono proprio i giovani, coloro che sì hanno meno rischio, ma che possono diventare un problema, il principio di una nuova epidemia sul territorio italiano. Sfrutto l’occasione per parlare di una personale esperienza,che ho vissuto qualche giorno fa. Una sera esco con un paio di amici e decidiamo di fare un giro in centro, visto che nella mia città c’era la notte bianca e tutte le attività commerciali erano aperte. In questa occasione il rispetto delle regole, il distanziamento sociale e l’uso della

mascherina, non esiste,tanto che credo che gli unici a rispettarle fossimo noi. Fiumi di giovani, adolescenti e teenager erano ammassati all’ingresso di bar, coktailerie e nelle piazze, rigorosamente senza mascherine, totalmente incuranti delle conseguenze e sprezzanti del rischio. In tutto ciò però l’aspetto che più mi ha lasciato perplessa era l’assenza totale di carabinieri, polizia o altro, che potesse gestire e governare la situazione. Forse però, riflettendoci, era talmente grave da essere ingestibile. Detto questo concludo questa mia riflessione. Spero che personalità influenti, come Fedez, youtuber e personaggi famosi, che hanno appunto un potenziale comunicativo elevato, lanciano sempre più il messaggio, che definiscano in queste persone una presa di coscienza, che comprendano che il loro atteggiamento può mettere a rischio milioni di persone. Trovate lungo la stesura, diviso in due parti, il ritornello di “Bimbi per strada”, che vi invito ad ascoltare, qualora fosse cosa gradita. Un grande abbraccio.

Sempre Vostra, Storyteller.

Annunci
Annunci


Categorie:POST ORDINARIO

Tag:, , , , , ,

1 reply

Trackbacks

  1. LIBERO PENSIERO EXTRA: APRIRE GLI OCCHI (13 luglio 2020) — Storyteller’s Eye Word – Casalinga Sempre Felice

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: